JACOPO GASPARI

Posizione Accademica: Professore associato Progettazione di "Materiali ed elementi di costruzione"
Area Didattica: Ambiente | Architettura
2001 Laurea (BA+MA) in Architettura - Università IUAV di Venezia, Facoltà di Architettura – Tesi in Tecnologie del recupero edilizio.
2006 Dottorato in Tecnologia dell’Architettura - Università di Ferrara e Università IUAV di Venezia, Facoltà di Architettura. Tesi: La costruzione a secco cpon struttura metallica nel progetto di recupero.
2007 Assegnista di Ricerca e Docente a contratto – Università IUAV di Venezia. La sostenibilità nelle costruzioni e l’inniovazione tecnologica.
2011 Entra in ruolo come Ricercatore (TI) – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Dipartimento di Architettura.
2017 Assume il ruolo di Professore Associato in Tecnologia dell’Architettura [SSD ICAR12] – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Dipartimento di Architettura.
2018 Consegue l’Abilitazione Scientifica Nazionale al ruolo di Professore Ordinario.

Attuali ruoli e mansioni istituzionali
È Delegato all’Internazionalizzazione per il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura;
È referente per i seguenti scambi Erasmus: Czech Technical University in Prague (CZ), Izmir University of Economics (TR), University of Westminster, London (UK), Universidad de Zaragoza, Zaragoza (SP), Politechnika Gdańska, Gdansk (PL), Politechnika Lódzka - Lodz University of Technology, Lodz (PL), Politechnika Slaska - Silesian University of Technology,  Gliwice (PL), Vilniaus Gedimino Technikos Universitetas, Vilnius (LT);
È delegato all’Orientamento per il Dipartimento di Architettura;
È delegato alle relazioni con gli Ordini Professionali e gli enti esterni per il Dipartimento di Architettura; È membro della Commissione Ricerca; È Coordinatore locale del progetto Latitudes Network, promosso e gestito dalla University of Westminster.

Attività di ricerca
Jacopo Gaspari svolge la propria attività di ricerca sui temi del recupero e del retrofitting degli edifici, dell’efficienza energetica e della sostenibilità, delle strategie di adattamento e resilienza ai cambiamenti climatici, della rigenerazione urbana, collaborando con numerosi enti di ricerca internazionali e contribuendo alla redazione di vari progetti di ricerca nell’ambito di diversi schemi di finanziamento.
RICERCHE
  • Il recupero dei grattacieli
    Invecchiano più rapidamente degli altri edifici, ma proprio per questo recuperarli conviene.
    Pubblicato su Modulo 357, dicembre 2009
  • Le nuove case
    Una fotografia del nuovo abitare
    Pubblicato su Modulo 356, novembre 2009
  • Residenziale multipiano
    Connettori, pannelli stratificati, incastri ad hoc permettono oggi di costruire edifici alti anche nove piani. In legno
    Pubblicato su Modulo 353, agosto 2009
  • Abitare...da studenti
    Una ricerca progettuale ricca di elementi di innovazione: dalla modalità di aggregaizoen degli spazi alle tecnologie costruttive, alla distribuzionme.
    Pubblicato su Modulo 352, giugno 2009
  • Pelle spessa
    Cls come pietra, cls trasparente, cls riflettente, cls luminoso: resta massivo :ma appare lieve, conservando le prestazioni specifiche di isolamento termico e acustico
    Pubblicato su Modulo 348, febbraio 2009
  • Pelle di rame
    Il rame guida la riscoperta degli involucri metallici, novità tecnologiche per il risparmio di materia prima, tecniche formali e architettoniche per risaltarne l'utilizzo.
    Pubblicato su Modulo 346, novembre 2008
  • Dietro le quinte
    La facciata è stata progressivamente svuotata della funzione strutturale a favore della permeabilità visiva. Involucri in controtendenza con componenti portanti e trasparenti
    Pubblicato su Modulo 345, ottobre 2008
  • L’involucro schermato
    L’integrazione tra tende e facciata
    Pubblicato su Modulo 335, ottobre 2007
  • Norme e dettagli - Solaio di interpiano
    Tipologie e caratteristiche per i solai nell'edilizia residenziale
    Pubblicato su Modulo 335,ottobre 2007
  • Rischio radon
    E' più pericoloso di quello che si crede, ma il tempo di esposizione deve essere prolungaot e il gas altamente concentrato. Difficile da espellere con i sistemi usuali. Da non sottovalutare
    Pubblicato su Modulo 333, luglio/agosto 2007
  • Il progetto dell'ombra
    I dati geometrici dei raggi solari (inclina­zione, rotazione) si incrociano con le tipologie e le caratteristiche dei sistemi di schermatura con un evidente impatto sul disegno di facciata
    Pubblicato su Modulo 330, aprile 2007
  • I luoghi dei robot
    Lo stoccaggio industriale è carico di problematiche complesse sotto il profilo della reversibilità degli spazi e dei percorsi delle macchine delegate alla movimentazione delle merci.
    Pubblicato su Modulo 328, febbraio 2007
  • Rispettose trasformazioni
    Ogni progettista affronta in maniera del tutto personale l'intervento di recupero, ma è possibile individuare orientamenti ed approcci comuni. La tecnologia S/R protagonista
    Pubblicato su Modulo 327, deicembre/gennaio 2007
  • Luoghi multifunzione
    Pubblicato su Modulo 326, novembre 2006
  • Grattacieli
    L'Europa traccia un percorso di forme complesse, sostenibilità di alto profilo. Con altezze non esagerate
    Pubblicato su Modulo 323, luglio 2006
  • Involucro effetto grafico
    La valenza estetica del vetro
    Pubblicato su Modulo 322, giugno 2006
  • La ferriera a Locarno
    Una complessità statica celata dalla rigorosa scansione della maglia strutturale esibita in facciata. Una straordinaria libertà compositiva all'interno. E carpenteria curstom made. Protagonista l'acciaio da Livio Vacchini
    Pubblicato su Modulo 319, marzo 2006
  • Effetto superficie... e struttura
    Composizione della miscela e modalità di getto determinano il risultato estetico e l'andamento delle superfici. Il trattamento formale integrato alla massa del paramento, garantisce durabilità e stabilità, senza creare conflitti con le prestazioni strutturali.
    Pubblciato su Modulo 316, novembre 2005
  • Facciate... a membrana
    L'EFTE modifica la propria trasparenza in funzione dell'irraggiamento con effetti scenografici. Difficile da progettare, calcolare e posare, viene utilizzato per poche eccellenti realizzazioni.
    Pubblicato su Modulo 315, ottobre 2005
  • Ruggine in facciata
    Una resistenza eccezionale, nessun vincolo dimensionale ad eccezione di quelli imposti dal trasporto, una limitata manutenzione, il costo "pari al peso" ed una presenza formale che evoca architetture arcaiche: il corten in tre esempi
    Pubblicato su Modulo 315, ottobre 2005
  • (Di)segni metallici
    Su misura o prodotti industrialmente, con acciaio inox e tecnologia al laser protagonisti.
    Pubblicato su Modulo 312, giugno 2005
  • Legno "armato"
    Fedeli allo schema geometrico dei solai distrutti, le travi reticolari in legno utilizzate per le sale storiche de La Fenice, soddisfano le esigenze di sicurezza in caso di incendio e trasmettono percezione spaziale complessiva conforme all'originale
    Pubblicato su Modulo 307, dicembre/gennaio 2005