Pubblicato il 28 marzo 2019

Inaugurato a Doha il National Museum of Qatar (NMoQ) di Jean Nouvel

Apre oggi i battenti uno dei progetti culturali più attesi dell’anno, pronto a condurre i suoi visitatori in un’esperienza immersiva senza precedenti all’interno dell’ultimo capolavoro architettonico di Jean Nouvel.
Si presenta infatti come una gigantesca rosa del deserto in acciaio, vetro e cemento, una scultura sfaccettata che con i suoi dischi incastrati di diverso diametro, disposti seguendo una pianta ad anello, ricorda l’impostazione del caravanserraglio, tradizionale luogo chiuso usato per la sosta delle carovane che attraversavano il deserto. 

Un chiaro omaggio dunque al luogo in cui sorge, che fonde insieme qualità architettonica, spaziale e sensoriale a cui si aggiunge anche un forte richiamo alla storia. 

Il complesso, infatti, sorge intorno all’antica struttura del Fariq Al Salatah Palace dello sceicco Abdullah bin Jassim Al-Thani, un tempo dimora della famiglia reale del Qatar e sede dell’originale Museo Nazionale. 

Questa combinazione di elementi ha portato Jean Nouvel ha elaborare il complesso partendo direttamente dall’utilizzo di un software 3D in grado di controllare sin dall’inizio lo sviluppo del progetto, portato avanti anche con la collaborazione dello studio di engineering Arup. 

Hanno così preso forma 539 dischi, con un diametro che varia dai 14 agli 87 metri, dando vita a quello che l’architetto francese chiama “eventi architettonici in miniatura”, rimandando alle formazioni di cristalli di gesso intrecciati che emergono dalla sabbia per formare questi straordinari affioramenti superficiali fioriti. 

Ad enfatizzarne la complessità geometrica, inoltre, concorre anche il rivestimento dei 76.000 pannelli di cemento armato in fibra di vetro color sabbia, che interrompe le superfici e riporta a una dimensione più intima gli aggetti e i cortili interni. 

Internamente, su una superficie di oltre 33 mila metri quadrati, trovano posto migliaia di reperti, manufatti e documenti storici oltre a pezzi commissionati appositamente ad artisti nazionali e internazionali che si inseriscono raccontando tre periodi della storia del Paese, l’inizio, la vita in Qatar e la sua costruzione, all’interno di ben 11 gallerie interconnesse da un sinuoso percorso lungo un chilometro e mezzo. 

"Immaginare una rosa del deserto come punto di partenza del progetto è stata un'idea molto avanzata, anche utopica direi. Per costruire un edificio con grandi dischi curvi, intersezioni e angoli aggettanti - il tipo di forme create da una rosa del deserto - abbiamo dovuto affrontare enormi sfide tecniche. Questo edificio infatti è tecnologicamente all’avanguardia, così come il Qatar stesso. Di conseguenza, è un oggetto totale: un'esperienza architettonica, spaziale e sensoriale, con spazi interni che non esistono da nessun'altra parte" – ha raccontato l’architetto francese. 


Crediti fotografici: Iwan Baan, Danica O. Kus
Vai alla scheda dello studio di progettazione: ATELIERS JEAN NOUVEL
Categorie: Architettura