CHIESA DELLA RESURREZIONE DI NOSTRO SIGNORE -

Un progetto che si snoda tra percorsi lineari e volumi semplici, dove le funzioni liturgiche e sociali si compenetrano: una chiesa che si fa casa, si apre a spazi luminosi interni che sfondano il volume principale, si dischiude sul patio, dialoga con i locali parrocchiali.
Dalla grande aula con l’immensa vetrata (13m x 4,5m), fondale del presbiterio, che richiama il cielo giottesco degli Scrovegni, alla eterea fonte battesimale, dalla simbologia molto densa delle opere d’arte, sino al soffitto, tutto richiama al tema dell’ascesa. Piani, sequenze e viste sono ideate per unire gli spazi sia interni che esterni, sino a rendere la nuova chiesa ‘porta’ verso l’adiacente parco del canale di Burlamacca. Attraverso il recupero di opere d’arte dell’edificio preesistente, la posa a spacco delle vecchie pavimentazioni marmoree, la fusione di elementi d’arredo antecedenti nei nuovi, la nuova chiesa riporta elementi di stratificazione emotiva e valoriali, cui il progetto di TAMassociati ha donato nuova linfa in un contesto fatto di dignità e bellezza, lontano da ogni retorica. La grande aula sacra e i locali del ministero pastorale sono stati realizzati in X-Lam. “Una scelta estetica, funzionale e strutturale precisa – commentano i progettisti. Dal senso di accoglienza dato dal materiale, alla volontà di ridurre significativamente i tempi di realizzazione, alle esigenze antisismiche, alle richieste di soluzioni sostenibili dal punto di vista ambientale ed economico”.
Come criterio impiantistico infatti, all’involucro isolato termicamente si è accoppiato un campo fotovoltaico da 27kW, in grado di alimentare la pompa di calore, che genera caldo/freddo, e di sostenere, con il surplus di energia elettrica prodotto, anche i consumi correnti nelle ore diurne. Al comfort ambientale dell’edificio altamente performante, gli architetti hanno dunque affiancato un progetto di manutenzione a basso costo: già in fase di concorso si richiedevano specifiche circa il bilancio energetico e il piano di manutenzione.Un concorso dalle indicazioni molto chiare, fondato su reali processi di partecipazione e ascolto ben conosciuti dai TAMassociati ha permesso allo studio di realizzare il nuovo complesso sostenibile, dalla bellezza semplice e in sintonia con l’identità locale.


Crediti fotografici: TAMassociati
Nazione: ITALIA
Engineering: MILAN INGEGNERIA
Progettista Architettonico: TAMASSOCIATI
Status: REALIZZATO
Inaugurazione: 2019