Pubblicato il 30 ottobre 2020

I nuovi concept di design di Jean Nouvel svelano una nuova era nell’architettura

Un resort “capolavoro”, primo al mondo nel suo genere, nascosto fra le dimore di pietra di Alula, nel nord-ovest dell’Arabia Saudita
Noto per la sua passione per l'architettura biofila e già firma del Louvre di Abu Dhabi e del Museo Nazionale del Qatar,  Jean Nouvel ha inaugurato un resort nel cuore della riserva naturale di Sharaan realizzando un edificio che rispetta le basi del biomimetismo in linea con l'armonia ecologica. 

I disegni mostrano l’interpretazione moderna dell’antico stile di vita nabateo con strutture monumentali scolpite nella roccia che rispettano e preservano in modo sostenibile il paesaggio di Alula prendendo ispirazione dalla vicina Hegra, il primo sito UNESCO Patrimonio dell’Umanità dell’Arabia Saudita.

Situato nel profondo della Sharaan Nature Reserve, il progetto attinge dalle vicine meraviglie nabatee di Hegra, il primo sito UNESCO Patrimonio dell’Umanità dell’Arabia Saudita. L’eredità storica di 2.000 anni è stata ripresa da Jean Nouvel potenzialmente per la prima volta da quando i Nabatei scolpirono la millenaria roccia di arenaria della regione.

Jean Nouvel spiega come sta adattando i vecchi stili di vita al nostro mondo moderno, riducendo al minimo l’impatto sui paesaggi naturali e urbani. Per fare tutto ciò ha introdotto una nuova tipologia di architettura, utilizzando l’astrazione e scolpendo all’interno del paesaggio stesso piuttosto che competere con esso. Traendo ispirazione dai Nabatei gioca su antichi stili di vita per costruire nel presente ed affrontare le sfide del futuro. Jean Nouvel integra il modo in cui i Nabatei interagivano con l’ambiente, sia verticalmente che orizzontalmente, per riconnettersi con la terra e realizzare habitat sostenibili, al riparo dal caldo estivo e dal freddo invernale.

Nouvel vede in questo resort l’opportunità di dare vita ad una forte esperienza dimensionale, sensoriale ed emotiva ai confini della natura, dell’architettura e dell’arte – dove il suono, la musicalità, la consistenza, il tocco, la potenza e la complessità della natura sono ovunque, dalle pietre finemente spezzettate dei balconi alla singolare granulosità di ciascuna parete rocciosa, tutto diventa un’opera d’arte in sé.

“Il nostro progetto non deve mettere a repentaglio ciò che è stato consacrato dall’umanità e dal tempo”, sottolinea Nouvel “il nostro progetto celebra lo spirito nabateo senza farne una caricatura. Questa creazione diventa veramente un atto di cultura”.

Sharaan by Jean Nouvel Resort, sarà un elemento chiave della strategia di RCU per lo sviluppo di Alula come destinazione di interesse globale per cultura, storia ed eco-turismo. 
 
Vai alla scheda dello studio di progettazione: ATELIERS JEAN NOUVEL
Categorie: Architettura