VESSEL

Heatherwick Studio firma Vessel, architettura-scultura simbolo dell’imponente trasformazione urbana di Hudson Yards, già ribattezzata “stairway to nowhere”.
Situata nel cuore dell’intervento e progettata come fulcro della piazza pubblica e dei giardini realizzati da Nelson Byrd Woltz Landscape Architects, in collaborazione con lo studio inglese, Vessel si presenta come un’architettura totalmente nuova, che non ha altra funzione se non il semplice mettere in mostra sé stessa. 
L’edificio-scultura, ispirato alle strutture dei tradizionali pozzi indiani, si configura come una torre svasata senza tetto costituita da ben 154 corpi scala connessi fra loro che intersecandosi delimitano 80 piattaforme panoramiche da cui osservare non solo la città ma anche le complesse e interconnesse geometrie che lo compongono. 
Sviluppato a partire da una base esagonali ripetuta per 16 piani e 45 metri di altezza, l’edificio è costituito da una struttura in acciaio strutturale rivestita in acciaio lucido color rame. 
Il particolare rivestimento permetterà all’edificio di mantenere la sua qualità riflettente in quanto, a differenza del rame, l’acciaio lucido non svilupperà mai una patina per via dell’ossidazione. 

Crediti fotografici: Michael Moran for Related-Oxford, Hudson Yards
Città:
Progettista Architettonico: HEATHERWICK STUDIO
Status: REALIZZATO
Inaugurazione: 2019

Mediapyramid ARCHITETTURA

Newsletter

Specializzazione
Specificare
Accetta la privacy policy
Post correlati
  • 15 marzo 2019
    Hudson Yards: l’opening che segna il profilo della nuova New York
    Apre ufficialmente al pubblico la prima fase dell’intervento Hudson Yards, il più grande sviluppo immobiliare privato in costruzione a New York dai tempi del Rockefeller Center e il più considerevole nella storia degli Stati Uniti.
  • 30 gennaio 2019
    L'Architettura che verrà: i progetti più attesi del 2019
    Se il 2018 ha segnato un anno importante sul fronte architettonico, tra nuove realizzazioni e intensi progetti di rigenerazione urbana, quest’anno le aspettative si alzano ancor più con interventi di forte impatto culturale e sociale ma anche veri e proprio landmark che segneranno lo skyline delle nostre città.