The Exchange –Sydney -

Nel quartiere di Darling Harbour un nuovo centro civico polivalente con biblioteca, spazi per bambini e a uso commerciale. Un edificio che con i suoi sette livelli si inserisce come una pausa tra le alte costruzioni che lo circondano, diventando un nuovo e attraente landmark urbano.
The Exchange è il nuovo centro polivalente progettato dallo studio Kengo Kuma & Associates per il vivace quartiere Darling Harbour di Sydney. Un'area centrale della città australiana che è stata, nel tempo, oggetto di continue trasformazioni e che è oggi uno dei quartieri più attivi, anche da un punto di vista architettonico.
Il nuovo edificio è stato progettato per diventare parte del grande sviluppo urbano dell'area, offrendo ai suoi abitanti: una biblioteca pubblica, spazi di assistenza all'infanzia e per usi commerciali, compreso un mercato di prodotti alimentari freschi e dei ristoranti. L'architetto ha, quindi, creato una forma che si inserisse armonicamente nella piazza, fondendosi con il paesaggio urbano per riportarlo a una scala più umana. Un edificio che è diventato in breve tempo un nuovo landmark urbano, nonostante la sua altezza sia contenuta nei confronti degli edifici alti che lo circondano e dei grattacieli che caratterizzano lo skyline di Sydney.
La scelta di una forma circolare, dove ogni piano è sfalsato rispetto al precedente, non introduce gerarchie tra le facciate e permette agli utenti di accedere a The Exchange da ogni direzione, diventando il punto di attrazione principale di tutto il quartiere, immediatamente riconoscibile da ogni lato. Il pianoterra aperto e interamente vetrato si pone come una naturale estensione della piazza, crea interazione e intercetta il flusso di persone che attraversa l'area o che si muove lungo il viale o, ancora, che usufruisce dei negozi che sono al pianoterra degli altri edifici.
Una osmosi con il contesto urbano che visivamente continua anche nei livelli superiori dell'edificio. Le facciate di The Exchange sono infatti interamente vetrate ma protette ai piani superiori dallo schermo in legno che, come un nastro, avvolge ogni livello del centro polifunzionale. Si tratta di strisce di legno organico che avvolgono l'edificio, in un modo apparentemente naturale, garantendo privacy ai diversi piani e filtrando la luce solare per dare una illuminazione più morbida agli spazi interni.
La geometria a piani sfalsati dell'edificio è espressione della natura dinamica di The Exchange e delle molte funzioni che assolve. Lo slittamento dei diversi piani permette la creazione di terrazze all'aperto con geometrie e dimensioni diverse, adatte agli usi a cui ogni piano è destinato. I piani centrali, per esempio, sono quelli a uso pubblico.
Per il rivestimento esterno dell'edificio è stato scelto il legno perchè, come spiegato dallo studio Kengo Kuma & Associates, offriva ai vicini la visione di una struttura naturale, come se nella “tasca” lasciata trai grattacieli fosse stato costruito un nido. Un edificio che però in breve tempo è diventata un'architettura iconica per tutto il quartiere. 

Nazione: AUSTRALIA
Progettista Architettonico: KENGO KUMA AND ASSOCIATES
Status: REALIZZATO