SKOLKOVO INSTITUTE OF SCIENCE AND TECHNOLOGY

Lo studio svizzero Herzog & de Meuron ha completato alle porte di Mosca lo Skolkovo Institute of Science and Technology, un complesso circolare di 280 metri di diametro, dove il suo apparente aspetto monolitico viene interrotto dal trattamento materico delle sue singole parti.
Città: MOSCA
Nazione: RUSSIA
Tipologia: ISTRUZIONE
Progettista Architettonico: HERZOG & DE MEURON
Status: REALIZZATO
Inaugurazione: 2018
Il progetto è il primo di tre complessi circolari che i due architetti stanno realizzando per la “Skolkovo Community”, un’iniziativa avviata dal governo russo per rivitalizzare l’area a ovest della città attraverso la creazione di un polo per l’imprenditorialità e l’innovazione. 
Noto anche come “east ring”, lo Skolkovo Institute of Science and Technology è stato concepito come una serie di strutture circolari e rettangolari racchiuse all’interno di un unico grande anello, di ben 280 metri di diametro, che riflettono direttamente il loro contenuto programmatico. 
L’anello esterno ospita gli uffici delle facoltà, le aree amministrative e riunione, mentre i due anelli interni più piccoli ospitano gli spazi per la didattica e l’apprendimento e l’auditorium principale. I laboratori, invece, trovano posto in una serie di volumi rettangolari, disposti in uno schema a scacchiera all’interno dell’anello principale. Questi, ordinati con un orientamento est-ovest per ottimizzare la luce naturale, si basano su una griglia strutturale di 7x7 metri con larghezze uniformi di 21 o 28 metri e lunghezze variabili. Infine, ulteriori spazi per la ricerca e la logistica sono situati nel piano interrato, che si estende sotto l’intera impronta del complesso. 
La sovrapposizione e l’interazione tra i diversi volumi rettangolari e circolari crea un’interessante qualità architettonica” – hanno commentato gli architetti – “I tre anelli circoscrivono e penetrano i blocchi, collegando i diversi elementi insieme in una forma scultorea distintiva che crea un percorso esterno e una serie di cortili collegati tra loro all’interno”. 
Nonostante il suo aspetto monolitico, il complesso è poroso e permeabile anche grazie all’apertura al pubblico di tutti i suoi cortili. Questi, di diverse dimensioni e collegati tra loro da una serie di passaggi che mettono in relazione le diverse parti, si dispongono intorno a un corte centrale, visibile da tutti gli anelli e dalla maggior parte dei volumi rettangolari. 
Anelli e blocchi sono rivestiti di alette che controllano la luminosità degli spazi interni e unificano le facciate, distinti però dai materiali di finitura: legno di larice siberiano per i primi e alluminio bianco per i secondi. 
Anche internamente le due tipologie differiscono matericamente continuando la scelta stilistica degli esterni: se i volumi circolari presentano pavimenti e rivestimenti in rovere naturale quelli rettangolari hanno pavimenti in vinile industriale e pareti in alluminio. 
Superiormente, il complesso è unificato da coperture a tetti inclinati che, insieme alla facciata principale, riuniscono i diversi elementi in un unico insieme integrato e differenziano lo Skolkovo Institute of Science and Technology dagli altri edifici previsti dal masterplan. 

Crediti fotografici: Iwan Baan