INSTITUTE OF HEARING LAB -

Lo studio francese VIB Architecture (Franck Vialet, Bettina Ballus) ha progettato un nuovo centro di ricerca interdisciplinare per la ricerca sull'udito nelle neuroscienze, nella genetica, nella biofisica, nonché un forum dove sia i professionisti che i gruppi di pazienti possono incontrarsi.
Costruito inizialmente come laboratorio di arredamento nel 1906, l'edificio sta ora godendo della sua terza vita, dopo essere diventato una scuola di legge negli anni Cinquanta. Quando la VIB lo visitò per la prima volta, durante la fase di concorso, alla fine del 2013, trovò un edificio di sei piani con percorsi di circolazione labirintici e facciate continue degli anni Cinquanta; lo spazio di manovra era limitato, poiché l'edificio è orlato su tre lati su un terreno lungo e stretto.
Il bando di concorso chiedeva di valutare il potenziale dell'edificio, dargli un'identità in strada e renderlo adatto ai laboratori di ricerca. La messa a punto dei particolari è arrivata in seguito, di pari passo con il cliente, una volta che l'IdA è stata adeguatamente costituita, ma il concept iniziale è rimasto fino alla fine: un forte concetto di facciata, ispirato alla forma del tessuto cellulare umano, che conferisce all'istituto la presenza stradale e l'identità desiderata (e dietro la quale si trovano uffici, spazi amministrativi e stanze per il personale); un atrio a tutta altezza che fa parte degli spazi accessibili al pubblico al piano terra (che comprendono sale riunioni e conferenze e un auditorium da 163 posti); e un pozzo di luce "giardino" verso il retro dell'appezzamento, intorno al quale sono raggruppati i laboratori, e a cui si accede attraverso un nuovo percorso di circolazione.  La costruzione ha richiesto tre anni per essere completata: dopo aver spogliato la struttura fino al suo telaio (parte in acciaio, parte in cemento armato) e averla rinforzata dove necessario, è stato inserito un nuovo seminterrato in cemento armato; solo allora si è potuto iniziare il retrofitting.
"L'intera sfida del progetto è stata quella di portare la luce all'interno", dice Vialet. Appena oltre la soglia vetrata, lo spazio fluisce senza soluzione di continuità nell'atrio, lungo sinuosi rivestimenti di pareti bianche a superficie solida che catturano la luce nelle loro curve e nelle perforazioni acustiche cellulari. L'atrio stesso è tutto vetro, alternativamente trasparente e pixellato di bianco (per nascondere la muratura retrostante).  Il leitmotiv interno del bianco del laboratorio è in contrasto con le facciate verdi del pozzo di luce posteriore, il cui pavimento era stato originariamente progettato per essere piantato in modo lussureggiante per fornire un'oasi di calma claustrale. Ma la pièce de résistance è incontestabilmente la splendida facciata stradale, dove nuove pareti e finestre sono nascoste dietro una seconda facciata in vetro e acciaio inox. Un riff sul modello delle cellule sensoriali uditive, questo strato protettivo e riflettente, che aiuta a mitigare la vicinanza dei vicini di casa proprio di fronte, è stato fratturato in sfaccettature cristalline in tre dimensioni, moltiplicando la città e il cielo tutto intorno.

Nazione: FRANCIA
Status: REALIZZATO
Inaugurazione: 2019