ACCADEMIA CUSANUS -

Con l’obiettivo di favorire l’interazione tra l’Accademia e la città, il progetto si confronta con l'insieme eterogeneo di spazi per seminari d'alta formazione e per l'accoglienza degli ospiti, attraverso un ampio spettro di interventi, mimetici e dichiaratamente nuovi,che danno forma a un complesso organico e interconnesso, che apre le sue porte alla comunità.
Situato lungo la riva del fiume Isarco, nella zona est della cittadina, l'Accademia Cusanus è composta da tre edifici: Paul Norz Haus, Mühlhaus, e Haupthaus, o edificio principale, progettato dal noto architetto locale Othmar Barth (1927-2010) — il primo edificio moderno inserito sotto la tutela dei Beni Architettonici ed artistici della Provincia di Bolzano. In occasione della sua inaugurazione nel 1962, l'edificio diede vita a un acceso dibattito: molti consideravano il progetto in mattoni e cemento a vista come sfacciatamente moderno e fuori luogo, una figura scomoda in relazione all'edificio settecentesco del Seminario Maggiore, mentre altri accolsero con entusiasmo l'ampliamento contemporaneo nel tessuto medievale del centro storico. Oggi, l'edificio è diventato uno dei landmark di Bressanone ed è considerato il capolavoro di Barth.

Gli architetti sono stati chiamati a realizzare una ristrutturazione attenta e misurata, che lasciasse inalterati i tre edifici esistenti senza vistose aggiunte, e a creare un nuovo spazio pubblico che andasse a riconnettere nella sua interezza il complesso accademico. Il progetto traccia una linea sottile tra ciò che sembra essere parte integrante degli edifici originari (invisibile) e ciò che si palesa come elemento di novità (visibile). I due interventi progettuali più significativi ed espliciti si trovano al piano terreno dell'Haupthaus, dove un asse di nuova formazione apre l'edificio, e al livello inferiore, dove una grande sala conferenze diventa il nuovo fulcro del complesso.

Geometricamente, l’Haupthaus presenta una pianta composta da tre quadrati che si aprono verso sud a formare un'impronta trapezoidale indelebile; l'interazione risultante tra l'orditura ortogonale e una leggera rotazione governa l'intero progetto sia in pianta, che in elevazione e in dettaglio. Dal passo di 2,90 metri che denota struttura e superficie, apertura e chiusura, fino al disegno della partizione delle lastre a pavimento che a loro volta segnano il passo delle file delle sedie, l'edificio è una toccante lezione di multa paucis — dal latino, dire molto con poche parole.

Infatti, l'attenta costruzione grammaticale del progetto raccorda l'ordine astratto dettato dalle dimensioni reali del telaio strutturale in calcestruzzo, dai muri e le pavimentazioni in mattoni a vista e dalle lastre di travertino, in un insieme unitario. Intervenire in un progetto così completo e finito si è rivelata una sfida per MoDusArchitects.

Lo spazio a doppia altezza con volte in cemento a vista situato al primo piano dell'Haupthaus è il cuore architettonico del complesso e, non a caso, è il termine di paragone per l'approccio e il carattere generale della ristrutturazione. Sebbene la costruzione laconica ed essenziale dell'Haupthausabbia dettato un chiaro ethos progettuale, MoDusArchitects ha rinvenuto molte preziose informazioni sulla flessibilità dell'edificio originale di Barth, attraverso una ricerca d'archivio che ha portato alla luce la copiosa documentazione del progetto, che include le numerose variazioni e aggiunte previste.

Al piano terra, il nuovo asse nord-sud sostituisce il corridoio senza uscita e collega l'ingresso principale con il refettorio, creando un passaggio articolato, punteggiato dalla caffetteria e dall'area d'ingresso di recente introduzione, con alcove che ospitano sedute informali e viste affacciate sull'unica sala per seminari di questo livello. Il generoso corridoio incarna l'ambizione del progetto di dare vita a un ambiente più accogliente, senza trascurare la logica costruttiva dell'edificio.

Al livello seminterrato, l'area dell'ex circolo privato viene trasformata in una serie di sale per seminari che a loro volta diventano contigue grazie all'aggiunta della grande sala conferenze. Illuminata dall'alto da un lucernario a forma di U, la nuova sala conferenze circoscrive l'impronta del cortile fuori terra, convertendo quello che un tempo era uno spazio residuo, mal definito, in un luogo pubblico di scambio sociale. Inserito nella logica strutturale dell'Haupthaus, un nuovo nucleo di circolazione verticale rappresenta il collegamento funzionale tra il progetto di Barth, gli edifici storici ancillari e il livello interrato introdotto da MoDusArchitects.

Con l’allestimento accorto e misurato di una tavolozza di soluzioni materiche, tettoniche e tecniche, i numerosi interventi realizzati da MoDusArchitects oscillano tra vocabolari mimetici, reciproci e volutamente contrastanti. Il risultato è una narrativa in bilico tra vecchio e nuovo, che dissolve il confine tra i due, offrendo all'Accademia Cusanus una nuova architettura, contemporanea e insieme senza tempo. 

Nazione: ITALIA
Progettista Architettonico: MODUS ARCHITECTS
Status: REALIZZATO
Inaugurazione: 2021