Pubblicato il 25 ottobre 2019

RICS: il valore aggiunto del Property Management tra nuove sfide e competenze

Si è tenuto ieri al Politecnico di Milano il convegno organizzato da RICS “Il valore aggiunto del Property Management" che ha fatto il punto della situazione su questa professione in Italia. Player ed esperti del settore hanno dibattuto sul quadro attuale del mercato e sulle prossime sfide.
Il Property Management è una professione del settore immobiliare che sta subendo un radicale cambiamento, dettato dai nuovi trend economici finanziari e dall’ingresso di nuove tecnologie. Se fino a 10 anni fa il Property Management era considerata un’attività accessoria e propedeutica al mantenimento e alla corretta gestione dell’asset immobiliare in tutti i suoi aspetti, sia tecnici sia contabili, oggi ha assunto sul mercato un ruolo sempre più strategico e di consulenza. I Property Manager oggi partecipano fin da subito alla progettazione e alla realizzazione degli immobili, e a tutte le fasi che hanno un impatto sull’esperienza e soddisfazione dell’utente finale e sulla continuità aziendale. Inoltre, giocano un ruolo strategico nella realizzazione e nell’implementazione delle strategie di sostenibilità aziendale. Nel solco di questa evoluzione, il Property Manager ha assunto una posizione nodale per il successo dei singoli progetti di real estate. In Italia oggi questa attività da sola rappresenta circa il 22% dei servizi immobiliari, settore in crescita sebbene ancora lontano dai volumi dei paesi anglosassoni (fonte Scenari Immobiliari). Questo cambiamento dunque mette di fronte a nuove sfide la professione.  È quanto è emerso nel corso del convegno “Il valore aggiunto del Property Management” organizzato da RICS e tenutosi presso il Politecnico di Milano. 

Categorie: Mercato