Pubblicato il 19 giugno 2019

I piani di investimento Hines in Italia

Hines, conta di investire nel mattone italiano un capitale di  3 miliardi entro il 2023 su progetti di edilizia privata accessibile; oltre ai due già usciti dal gruppo «di cui 1,8 a Milano» (il resto a Firenze) dal 2015, quando Mario Abbadessa è diventato responsabile di tutte le attività del gruppo in Italia. Saranno per metà soldi liquidi, per metà a prestito dalle banche. Hines lavora con i fondi sovrani orientali, come quello di Hong Kong, ed europei, più che arabi e il progetto è di costruire studentati, residenze non medicali-comunità per anziani (con «presidio medico, spazi per gli spostamenti facili»), alloggi per genitori separati. Tanti appartamenti, per fare economie di scala.

Ne frattempo Hines ha chiuso l’acquisto degli spazi Dolce & Gabbana in via della Spiga 26, valore 250 milioni, progetto «con otto nove negozi». L’immobile di 12.000 mq sarà trasformato in un nuovo edificio di lusso a destinazione mista retail e uffici attraverso un progetto di riconfigurazione e ristrutturazione completo. Attualmente sono in progetto altri  tre mega piani di sviluppo: MilanoSesto, l’ex Trotto a San Siro e l’area Bocconi fra le vie Giovenale e Col Moschin, più l’ex Consorzio agrario. In futuro, spera nel Politecnico alla Bovisa.