Pubblicato il 8 settembre 2020

Medaarch vince il concorso per il restyling del waterfront di Cattolica

Sarà compito di Medaarch, studio di progettazione di Cava de' Tirreni, dare un nuovo volto al lungomare della città di Cattolica.
Neo vincitore del concorso, tra oltre 50 progetti partecipanti, per la giuria - presieduta dalla stilista Alberta Ferretti - Medaarch ha il merito di aver proposto "un'architettura riconoscibile e uno sviluppo funzionale coerente con le richieste del Bando attraverso una soluzione capace di dare efficaci risposte, valorizzando gli spazi esterni e creando nuovi ambiti funzionali."

Con ottocento metri di lungomare, per una larghezza di oltre 20 metri, il nuovo waterfornt presenterà un effetto visivo mai interrotto, restituendo la visibilità verso l'orizzonte grazie a soluzioni che sostituiranno con un'unica piattaforma dalle caratteristiche uniformi - sia in termini di materiali che di quote - l'attuale superficie stradale (pedonale, carrabile e ciclabile). 

Tre gli obiettivi principali da raggiungere: 
valorizzare gli elementi storico-territoriali del contesto urbano e degli elementi identitari del Paesaggio;
generare occasioni aggregative sociali e sportive durante tutto l'anno;
sviluppare una progettazione del verde finalizzata sia alla rinaturalizzazione dell'area, sia per aumentarne la resilienza e restituire un maggiore grado di naturalità al waterfront.
"Abbiamo lavorato al progetto cercando di rendere la passeggiata del lungomare non solo ricca di scorci nuovi e di eventi architettonici caratteristici, ma anche che fosse in grado di donare alla città opportunità ed esperienze da vivere tutto l'anno". - racconta l'ingegnere Gianpiero Picerno Ceraso, membro fondatore di Medaarch, sottolinenando il grande lavoro di squadra che ha portato al traguardo.

Assenza di barriere architettoniche, biodiversità, mobilità dolce e elettrica trasformeranno così il nuovo waterfront in una grande area di spazi verdi, piste ciclabili, aree relax, wellness arena, piazze riqualificate e nuovi spazi per la socializzazione, per ospitare eventi, fornire incontri ed esperienze tra natura e città.

Categorie: Architettura