Produttore: 

Casa Mascherpa nel Pavese

Casa Mascherpa, villa destinata ad abitazione immersa nei vigneti dell'Optrepò Pavese: i 200 metri quadri di superficie dell’edificio, esposti a sud e lambiti da un ottimo soleggiamento, hanno rappresentato una sfida per l’architetto Nico Papalia e la multinazionale dell’isolamento Ursa.

La villa, collocata a circa 200 metri s.l.m., è stata progettata seguendo l’orografia del terreno: gli apporti solari naturali sono stati ottimizzati con il disegno delle superfici vetrate e delle gronde, calcolate in base all’incidenza dei raggi luminosi. Il progetto divide la struttura portante da quella di tamponamento e si fonda su una scelta costruttiva ardua per l’edilizia residenziale: l’utilizzo del sistema a secco, costituito da pareti di tamponamento a doppia orditura metallica con rivestimento esterno in lastre di cemento rinforzato ed interno in lastre di gesso rivestito. Rispetto ad un sistema tradizionale in muratura, questa tecnologia abbatte sensibilmente i costi, semplifica il lavoro agli impiantisti e riduce i tempi di esecuzione dell’intero cantiere. Inoltre, la parete a secco da esterno sposa i dettami dell’edilizia innovativa a leggerezza strutturale, libertà progettuale e comfort abitativo.
Il progettista ha individuato in Ursa un partner prestazionale estremamente affidabile, in grado di supportarlo con consulenza specializzata e risposte tecnologiche altamente performanti. Il sistema impiegato nella villa consente l’alloggiamento di grandi quantità di isolante senza per altro aumentare gli ingombri della parete finita, a garanzia di valori bassissimi di trasmittanza termica stazionaria e periodica. Basti pensare che, all’interno delle pareti perimetrali, in soli 27 cm di ingombro sono alloggiati ben 18,5 cm di materiale coibente.
Nello specifico, i pannelli utilizzati sono in lana di legno mineralizzata Ursa Woodlith S, in lana minerale rivestiti con carta Kraft alluminio retinata Ursa Terra Plus 70 Ac e in lana minerale Ursa Terra 62. Questo involucro presenta performance termiche elevate non solo nel periodo invernale ma anche nei mesi estivi. Sotto il profilo dell’isolamento acustico, questa metodologia assicura valori elevati, pari a RW = 67 dB.
Nel complesso, la casa risulta ben coibentata, molto economica da mantenere, eco-sostenibile e con un elevato livello di comfort ambientale. Gli accorgimenti progettuali e impiantistici adottati hanno reso possibile la collocazione dell’edificio in classe energetica A.

La continua attività di ricerca e innovazione Ursa ha consentito di sviluppare le performance prestazionali dei materiali utilizzati, testare l’utilizzo dei prodotti e studiare soluzioni tecnologiche della massima efficienza come dimostra questo gioiello architettonico.
295 posts in Referenze