ITAS

La società di progettazione Il Prisma ha completato a Milano il progetto di rinnovo del palazzo di via Santa Maria Segreta 5 che, costruito agli inizi degli anni Trenta da Gio Ponti ed Emilio Lancia, ospita oggi al suo interno gli uffici della compagnia assicurativa Itas.
Città: MILANO
Nazione: ITALIA
Tipologia: TERZIARIO
Progettista Architettonico: IL PRISMA
Inaugurazione: 2018
L’edificio è un manufatto di pregio ed è identificato da una sua specifica scheda che lo colloca in area Naf (Nuclei di antica formazione), nel Piano di Governo del Territorio (al n. 1/407/4). Si tratta dunque di un palazzo di valore storico-architettonico sul quale Il Prisma ha avuto la possibilità di intervenire grazie alle competenze e all’esperienza nell’ambito degli interventi urbanistici su Beni culturali tutelati dalla Commissione del Paesaggio. 
Austerità, classicità, controllo degli accessi caratterizzavano nella fase di concezione il progetto originale dell’edificio costituito da un unico corpo di fabbrica, sviluppato su cinque piani fuori terra di cui l’ultimo arretrato rispetto alla cortina principale. Uno stile perfetto all’epoca per banche e assicurazioni. 
Oggi, invece, le linee guida della riprogettazione sono l’apertura, le relazioni, la disponibilità a farsi attraversare per avviare processi in positivo nei luoghi del risparmio e investimento. Il Prisma ha reso perciò più trasparente e luminoso l’immobile. Le aperture del piano terra sono diventate vetrine, la sobria facciata ha integrato il brand del conduttore, le coperture non calpestabili sono state trasformate in terrazze e punti di vista sulla città. Dal nuovo volume in cima all’edificio, adibito a board-room, si potrà osservare lo skyline della Milano che cambia al di sopra della città storica.  
Ai piani superiori si trovano gli spazi dedicati alla produzione individuale organizzati in open space e uffici chiusi. Il progetto de Il Prisma ha cercato di generare un delicato squilibrio utile ad accogliere le nuove dinamiche lavorative del Gruppo Itas, scardinando in parte l’austerità con l’uso consapevole di materiali contemporanei e scelte tipologiche che creano una rottura con lo stile passato, ma allo stesso tempo si pongono in continuità con linee e forme preesistenti. Grandi campiture vetrate e finiture in lamiera metallica, sagomata e forata a campione, sono gli elementi che matericamente definiscono l’intervento. 
Dal punto di vista dei benefit energetici e funzionali, tutti gli impianti sono stati sostituiti con sistemi di nuova generazione ed è stato realizzato un capotto interno in tutto il perimetro dell’immobile. Gli efficientamenti impiantistici e formali hanno generato vantaggi che portano l’immobile alla massima capacità performativa. 

Crediti fotografici: Il Prisma