Produttore: WICONA - DOMAL

Powerhouse Kjørbo in Norvegia

La chiave del successo di questo progetto risiede nell'integrazione tra progettazione dell'involucro edilizio e l'uso di più tecnologie ad alta efficienza energetica.

Powerhouse Kjørbo è la prima conversione ad “energia più”  di un complesso di uffici. E’ diventato il secondo progetto Power House in Norvegia, l'obiettivo è quello di dimostrare come la riqualificazione energetica di  edifici esistenti sia vantaggiosa per l'ambiente. 
Un edificio è definito Powerhouse quando viene generata più energia durante il suo ciclo di vita rispetto a quello distribuito tra i materiali utilizzati o richiesti per la costruzione, il suo funzionamento, la ristrutturazione e la demolizione successiva. Il ciclo di vita Powerhouse in Norvegia è calcolato in un arco temporale di 60 anni.
La chiave del successo di questo progetto risiede nell'integrazione di architettura olistica, la progettazione dell'involucro edilizio e l'uso di più tecnologie ad alta efficienza energetica. "Abbiamo impiegato soluzioni semplici ed economiche, unendo tecnologie esistenti in una nuova forma e maniera, al fine di trasformare un normale edificio per uffici in un edificio che produce più energia di quella che consuma durante il suo ciclo di vita - e questo include anche le energie grigie" ha detto Kjetil Thorsen T., Director di Snøhetta Architects di Oslo. 
Il complesso di cinque edifici per uffici a forma di  cubo, eretto nel 1979 e stato considerato di portata storica e la sua architettura doveva essere preservata. I due edifici convertiti in Powerhouse sono stati eretti con i classici pilastri norvegesi in legno , praticamente una facciata in legno-alluminio. Per preservare l'estetica delle facciate nere originali, è stata utilizzata la tecnologia tradizionale giapponese nota come Shou Sugi Ban, per cui la superficie del legno è carbonizzata dal trattamento a fiamma.
L'edificio da ristrutturare è stato oggetto di modellazione digitale BIM (Building Information Modeling), progettazione ottimale per la pianificazione, realizzazione e gestione. Il risultato è stato una soluzione per la ristrutturazione, l’impianto fotovoltaico, le pompe di calore, la ventilazione e il concetto di facciata armonizzato in modo che il livello di energia ricercato fosse fattibile.
La facciata del progetto Powerhouse Kjørbo è stato realizzata utilizzando la facciata passiva WICONA WICTEC 50 PH che doveva rispettare  le prestazioni termiche per le aree trasparenti di Uw, 0.80 W/m²K .
I pilastri di legno sono stati combinati con la costruzione montanti-traversi  in alluminio del sistema WICONA,  inserendo delle specchiature  vetrate larghe 2,25 m di cui una parte fissa alta 0,6 m. Le grandi finestre vetrate WICONA WICLINE 90SG, oltre a sfruttare la totalità  dalla luce diurna,  consentono la ventilazione naturale. La finestra a  triplo vetro si apre verso l'esterno senza assistenza motorizzata.
Una pompa di calore fornisce l'energia termica. Le sonde di terra sono stati inserite a profondità da 100 a 300 m. Durante i periodi di riscaldamento le sonde estraggono calore dal terreno, nei periodi di raffreddamento trasportano in profondità il calore. Centri di ventilazione sono stati eretti nel piano superiore dell'edificio per la distribuzione dell’aria all’interno. Sul tetto sono stati installati moduli fotovoltaici  SunPower monocristallini da 333 Wp, che forniranno 115. 000 kWh di energia all'anno. L'energia grigia considerata per il bilancio energetico, ha preso in considerazione l'energia primaria necessaria per l'estrazione di materie prime, materiali di produzione e di trasporto intermediario.
Città: OSLO
Tipologia: EDIFICI PER UFFICI