THE HIVE

Punto di riferimento per l’apprendimento culturale di Worcester City ma anche catalizzatore dall’immagine iconica localizzato sul waterfront del fiume Severn, The Hive nasce su commissione di un’associazione costituita dal consiglio amministrativo della città anglosassone e dalla University of Worcester, nel loro intento coeso di dar vita ad una sorta di “duomo” laico aperto a tutti i cittadini.
Città: WORCESTER
Nazione: REGNO UNITO
Tipologia: CULTURA
Progettista Architettonico: FEILDEN CLEGG BRADLEY STUDIOS
Date: 2012
Le ambizioni espresse a partire dal 2007 dal sodalizio tra i diversi enti istituzionali, presto delineate dal progetto ideato da Feilden Clegg Bradley Studios in collaborazione con il team di ingegneria ambientale Max Fordham Partnership e il gruppo paesaggistico Grant Associates, trovano il compimento nel gennaio 2012, quando il nuovo comparto, inaugurato e aperto, si impone come nuovo centro civico dominante nel panorama del borgo della contea di Worcestershire. 
L’edificio richiama i principali elementi paesaggistici del contesto e le sue tradizioni decorative vernacolari: l’articolazione della forma, costellata in copertura da “imbuti” dalla forma tronco-piramidale, è una reminiscenza della successione ondulata delle Malvern Hills, una citazione delle cuspidi della cattedrale, un richiamo ai camini dei forni industriali ottocenteschi che un tempo dominavano il tessuto urbano; e ancora la preziosa cromia dorata dell’involucro riflette la tavolozza di sfumature analoghe dei fabbricati del nucleo storico, con la loro filigrana aurea che ne impreziosisce l’immagine. 
Il rivestimento estende secondo un concept totalizzante quello che non era altro che un vezzo decorativo radicato e consolidato, tramutandolo in principio costituente, in componente pressochè unico ed eccezionale: la pelle della struttura è una sequenza di tessere metalliche in rame della dimensione di 60x60 cm posate in obliquo che restituiscono la percezione di un mosaico iridescente, di una patina di per sé attrattiva. L’obiettivo di questo polo formativo è infatti proprio quello di affascinare e richiamare visitatori, suggerendo una permeabilità e trasparenza tali da incoraggiare l’esplorazione delle funzioni insediate al suo interno: le aperture vetrate, ricavate nella successione sfaccettata delle scandole satinate, lasciano intravedere la spazialità interna, il suo ritmo, i movimenti degli occupanti.
Destinato ad ospitare una biblioteca ed un centro storico, il complesso si sviluppa su quattro livelli complessivi, organizzati a partire da un atrio centrale a tutta altezza che assorbe gli elementi di distribuzione verticale. Il piano terra include la biblioteca dei bambini, uno spazio di apprendimento per studenti universitari, aree di ricezione e archiviazione del materiale, servizi di ristorazione e locali amministrativi per il personale di servizio. 
Al livello 1 invece il centro dedicato alla storia offre una sala per la lettura, scaffali per l’organizzazione del materiale, piccole aule di incontro e per i seminari. Il principale ambiente di consultazione occupa invece il livello 2 che mette a disposizione degli utenti tanto comode sedute che “nidi” dove potersi sdraiare per sfogliare manuali con la comodità della propria casa. Infine, al di sotto dei lucernari, aree più silenziose, corredate da una collezione di volumi speciali, coronano la suddivisione programmatica di The Hive.    

Crediti fotografici: Hufton & Crow