STAZIONE DI POMPAGGIO - COLONIA

Città: COLONIA
Nazione: GERMANIA
Progettista Architettonico: KASPAR KRAEMER ARCHITEKTEN
Date: 2008
"Un progetto che ha dovuto tener conto di input diversi a partire dalla complessità tecnica, fino ad un’attenta analisi di impatto ambientali. I requisiti del progetto indicati dagli enti municipali di Colonia, responsabili del sistema di drenaggio delle acque, prevedevano un complesso che rappresentasse la tecnologia elettrica in superficie e che rispecchiasse l’importanza della tecnologia di pompaggio ubicata in parte sottoterra. Un’ulteriore sfida consisteva nell'integrare l'edificio nel paesaggio circostante della sponda del fiume. Dei cinque progetti presentati, la soluzione proposta dallo studio Kaspar Kraemer Architects di Colonia è stata la più convincente: radicata su un terrazzamento, la stazione di pompaggio delle acque di piena sfrutta l'ondulazione del terreno della sponda del Reno. L’unico punto di riferimento che emerge dal complesso edilizio è la struttura superiore che si illumina mostrando il livello attuale delle acque del Reno, colorandosi durante la notte grazie a uno straordinario impianto di illuminazione. La forma dell’edificio deriva principalmente dalla sua funzione tecnica. La stazione di pompaggio è divisa in due sezioni: una in superficie e l’altra sottoterra. Quest’ultima contiene sei pompe con diverse capacità, mentre la prima ospita la centrale elettrica.

Impatto ambientale
La soluzione architettonica si basa sull'integrazione armonica del complesso edilizio nel paesaggio circostante grazie a una modulazione del terreno, resa possibile da un terrazzamento degli argini secondo le loro diverse pendenze. Tale terrazzamento ricoperto d’erba è stato progettato come una rampa verde agibile per i veicoli adibiti alla manutenzione e ha permesso di elimiare la rampa di accesso concepita in origine. I muri laterali dell'edificio che si affacciano sulla città e sul Reno sono stati costruiti con il basalto tipico degli argini. L’unico elemento visibile dell’edificio completamente incassato è la parte della stazione di pompaggio in superficie che si innalza sulla sezione sottoterra come un cubo sulla sponda del Reno. Da un punto di vista urbanistico, l’edificio conclude, o apre, l’area del "Rheinau port”, caratterizzata dalla presenza di edifici adibiti a uso uffici e residenziali. La facciata è progettata come un reticolato di metallo che circonda il cubo in cemento, intervallato da uno spazio di 90 cm. Le numerose aperture dell’edificio, create dalla griglia di ventilazione delle officine e dalle finestre, vengono perciò coperte con un effetto decisamente affascinante.

L’impianto di illuminazione
La facciata di metallo della parte superficiale dell’edificio, pressoché anonima durante il giorno, assume tutto il suo fascino durante la notte. Grazie ad alcuni LED elettrici assemblati all’interno del reticolato metallico, la facciata di cemento della sezione in superficie assume diverse gradazioni di cromatiche. Le variazioni di flusso delle acque permettono un costante effetto cangiante delle luci. Inoltre, alcuni punti specifici degli argini in basalto vengono illuminati attraverso dei faretti incastrati nel terreno. È possibile interpretare il livello delle acque del Reno a Colonia osservando il colore del cubo. “Blu o verde significa un livello d'acqua normale. Giallo indica un livello del Reno superiore al normale. Rosso, invece, è sinonimo di pericolo e segnala la piena”, afferma Kaspar Kraemer, spiegando l’impianto luci da lui concepito. Sono stati previsti anche sistemi di illuminazione speciali per eventi importanti, quali il “Cologne Lights” o la notte di Capodanno. Il sistema di illuminazione centrale viene monitorato dagli enti responsabili del sistema di drenaggio delle acque locali. Un esposimetro assicura che i diodi luminosi vengano attivati con il bel tempo nei cambiamenti di stagione.
"