SALA DEL COMMIATO

Lo studio padovano GrisDainese ha realizzato la nuova Sala del Commiato del Cimitero Maggiore di Padova, un padiglione immerso nel verde dove i parenti dell’estinto potranno dare l’estremo saluto al loro caro.
Città: PADOVA
Nazione: ITALIA
Tipologia: EDIFICI RELIGIOSI
Progettista Architettonico: GRISDAINESE
Date: 2009
La nuova struttura è collegata all’edificio dei forni crematori da una sorta di ombelico funzionale. La planimetria è stata studiata in modo che al visitatore, arrivando, appaia solo il primo edificio, quello all’interno del quale avvengono le cerimonie. 
Quattro setti leggermente ricurvi accostati tra loro, costituiscono il perimetro del padiglione. Alle estremità di questi si aprono le vetrate a tutta altezza, che formano l’entrata, l’uscita e le finestrature dei salottini. 
La facciata anch’essa ricurva “abbraccia” lo spazio antistante, dando ad esso la qualità di selciato, al quale si arriva percorrendo il ponticello interno e un breve percorso leggermente ascendente. 
Lo spazio centrale, la Sala del Commiato, è illuminato da un lucernaio di forma ovale, che “imita” la forma della sala. La luce proveniente esclusivamente dall’alto, rende rarefatta l’atmosfera, e comunica pace e raccoglimento. 
Il padiglione è rivestito esternamente da una pelle di zinco grigio chiaro, a finitura ondulata che gioca con la luce, creando riflessi contribuendo ad accentuare il dinamismo delle sue forme. 
L’edificio che ospita i forni crematori ha una forma squadrata, è leggermente più basso del padiglione antistante ed è un puro volume funzionale. 
Il corridoio di collegamento con la Sala del Commiato unisce i due edifici in modo organico, e rafforza tutta la composizione, lungo una linea, un segno lieve che aiuta a fermare lo sguardo e guidare il visitatore all’interno del padiglione. 

Crediti fotografici: GrisDainese