TORRE SASSETTI

La nuova Torre Sassetti progettata da L22 Urban & Building è l’hub del neonato Fintech District, area urbana dedicata allo sviluppo della finanza innovativa e tecnologica.
Città: MILANO
Nazione: ITALIA
Tipologia: EDIFICI PER UFFICI
Progettista Architettonico: LOMBARDINI22
Date: 2017
Creato da SELLALAB per rappresentare la comunità fintech italiana, il nuovo ecosistema si pone l’obiettivo di favorirne lo sviluppo in una prospettiva internazionale, promuovendo l’impegno e la collaborazione tra i diversi player del settore, aziende, istituzioni finanziarie ed enti fintech. Anche la selezione di professionisti e start-up, che si stabilirà nell’edificio, è stata condotta con coerenza da Copernico seguendo il fil rouge dell’innovazione tecnologica. 
La ristrutturazione della Torre in via Sassetti 32/2 voluta da Invesco Real Estate, che acquistò l’immobile nel 2015, ha da subito rappresentato un’operazione di successo. L’asset, infatti, è stato acquistato in toto da Banca Sella. L’edificio a uso uffici è occupato da Copernico, per i primi 8 piani, e da Banca Sella, dal livello 9 al 11. Il 12° piano è uno spazio coworking gestito da entrambi; il 13° piano è uno spazio eventi, gestito da Copernico.
La torre si trova nella zona di Porta Nuova, con accesso da una piazza pedonale proprio di fronte al nuovo Palazzo Lombardia, lungo viale Restelli, nella frangia di tessuto urbano che proviene dal quartiere Isola e si dissolve a est verso un’area di recente trasformazione che culmina nel palazzo della regione. L’approccio progettuale di L22 segue una visione contemporanea dove la massimizzazione dell’efficienza e della flessibilità del futuro spazio a uffici si compenetra con un design di facciata innovativo e un fluire di spazi e vedute dall’interno all’esterno e viceversa. 
Realizzato tra gli anni 1990-1992 sulla base del progetto strutturale firmato dagli ingegneri Franco Morini ed Emilio Pereira dello studio associato di Ingegneria Morini Progetti, l’edificio – completamente rinnovato da L22 – prevede una facciata continua vetrata, caratterizzata dalla sovrapposizione di una trama di sottili elementi orizzontali e verticali che sottolineano la scansione in piani e la griglia strutturale di facciata. Il progetto di riqualificazione è orientato a enfatizzare la presenza dell’edificio all’interno della piazza antistante, massimizzando l’altezza per dare un senso di maggiore verticalità. La costruzione galleggia su un ingresso completamente trasparente, a doppia altezza. L’intervento è stato progettato all’insegna delle parole chiave: eleganza e atemporalità. La nuova Torre Sassetti ha un’identità forte, slegata da mode temporanee. 
Nella dinamica zona di porta Garibaldi, il cambiamento continua a generare cambiamento. Per enfatizzare la verticalità della torre, la griglia di facciata è stata estesa oltre il piano della terrazza, mentre per ancorare visivamente l’edificio al suolo è stato introdotto un rivestimento in pietra Santafiora lavagrigia di pilastri e architrave al piano terra. L’ordine gigante di colonne rivestite in Santafiora lavagrigia enfatizza la solidità del basamento e rende più elegante lo sviluppo superiore. 
Per la Torre Sassetti è in corso il processo di certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) di livello Platinum, l’attestazione che riconosce all’edificio alcuni importanti parametri come il risparmio di risorse, l’efficienza energetica, la selezione dei materiali, l’illuminazione a ridotto consumo e la qualità dell’ambiente interno.