RESTAURO TEATRO VERDI

Città: PISA
Nazione: ITALIA
Tipologia: CULTURA
Progettista Architettonico: CARMASSI STUDIO DI ARCHITETTURA
Date: 1989
Costruito tra il 1865 e il 1867 a opera di Andrea Scala, il teatro Giuseppe Verdi non era mai stato oggetto di radicali interventi di ristrutturazione, bensì di una successione di parziali interventi che, unitamente all'assenza di manutenzione, avevano finito per ridurlo, nell'arco di mezzo secolo, in uno stato di generale degrado. Inoltre, l'obsolescenza degli impianti tecnologici e l'inadeguatezza degli apparati di sicurezza - in particolare le vie di fuga verticali - ne rendevano pericolosa l'utilizzazione. Il progetto di restauro ha perseguito un duplice obiettivo: da un lato, l'adeguamento degli standard di sicurezza e degli spazi di servizio per il pubblico e gli artisti alle norme vigenti e alle esigenze attuali; dall'altro, il mantenimento delle caratteristiche materiali e spaziali del monumento, un proposito, quest'ultimo, osservato al punto che potrebbe essere percorso un lunghissimo itinerario all'interno del teatro senza incontrare il minimo segnale che un architetto sia intervenuto in qualche parte. Tuttavia, principale caratteristica di questo restauro è proprio l'equilibrio raggiunto tra le operazioni di natura squisitamente conservativa e quelle più propriamente progettuali. Le prime si sono sviluppate a partire dalla convinzione che il valore del teatro ottocentesco risiedesse nell'autenticità dei materiali e nella compiutezza degli ambienti principali. Conseguentemente, le operazioni di conservazione hanno investito con pari acribia la spazialità architettonica, il complesso degli apparati decorativi e delle strutture, in particolare le travature lignee, del teatro. Per quel che riguarda queste ultime, perlopiù danneggiate in corrispondenza degli incastri con le murature o, comunque, sottodimensionate rispetto agli standard di sicurezza, l'uso di tecniche di consolidamento a base di resine epossidiche, con inserti di legno e acciaio, ha consentito di salvare la maggior parte delle travi e delle controsoffittature decorate a esse ancorate. 
Gli interventi hanno comportato la demolizione di tramezzi impropriamente aggiunti per suddividere gli spazi, la liberazione (preceduta da saggi puntuali) dalle imbiancature e il successivo restauro - con modeste integrazioni, ove necessario, con colori reversibili - di migliaia di metri quadri di pareti e controsoffitti decorati, la pulitura e il recupero delle decorazioni a stucco negli ambienti maggiormente rappresentativi quali il foyer e la sala del teatro, il recupero dei pavimenti (in cotto, in marmo, alla veneziana), degli infissi lignei e degli arredi del teatro. 
Complementari alle operazioni conservative sono stati gli interventi necessari all'innalzamento degli standard di sicurezza e per migliorare la qualità dei servizi per il pubblico e per gli artisti. Il progetto si è concentrato in particolar modo sulle soluzioni distributive e sulla loro integrazione nell'organismo del teatro; caso per caso, sono state studiate soluzioni spaziali a problemi specifici evitando ogni mimetismo con le strutture originarie e contemporaneamente eccessivi contrasti, realizzando architetture moderne per disegno e materiali, integrate nel contesto. Il metodo seguito è stato quello di ripristinare l'unità originaria dei grandi spazi secondari e le trasparenze che li caratterizzavano, eliminando le partizioni fisse e inserendo, ove necessario, diaframmi leggeri in metallo e vetro. L'intervento forse più significativo, nella sistemazione degli spazi interni, è stato quello di articolare il sistema di collegamenti legando le aree tradizionalmente frequentate dal pubblico con il sottotetto, caratterizzato dalla straordinaria sequenza delle capriate di copertura e dalla scenografica struttura lignea che regge la volta della sala del teatro. Uno spazio, quest'ultimo, mai utilizzato in precedenza, che il progetto ha riscattato sia come ampliamento delle dotazioni funzionali dell'edificio, destinandolo a uffici e a sala prove, sia come parte finale di un percorso tanto suggestivo quanto utile a chiarire il funzionamento della macchina teatrale. La ricerca di un rapporto dialettico tra antico e nuovo, che contraddistingue questo progetto, si è manifestata nella soluzione conferita alla grande scala di sicurezza posta - obbligatoriamente - all'esterno: una torre metallica, sorretta da una sorta di ordine gigante di dieci colonne cilindriche e organizzata secondo una geometria romboidale, chiusa in sommità da una copertura centinata in ferro e vetro.