RESIDENZE MONTE GRAPPA A MILANO

Città: MILANO
Nazione: ITALIA
Tipologia: RESIDENZA
Progettista Architettonico: WESTWAY ARCHITECTS
Date: 2013
L’edificio di viale Monte Grappa 16 a Milano è inserito in un contesto urbano di impianto ottocentesco ma eterogeneo dal punto di vista costruttivo. A causa delle condizioni di avanzato degrado e in attuazione del piano di recupero (PR1) previsto dalla Variante al PRG vigente (Zona B di recupero R.9.15), l’intervento è stato impostato sulla demolizione del fabbricato residenziale esistente (1882) e la sua ricostruzione in ottemperanza ai vincoli vigenti: allineamento con le altezze degli edifici adiacenti su strada e mantenimento di alcuni parametri compositivi originari (tipologia a corte con case a ballatoio, partitura della facciata principale a tre piani, posizionamento del passo carraio, dimensioni della corte interna e muri perimetrali con le proprietà confinanti). 
Il nuovo edificio si compone di due piani interrati a garage, del piano terra a destinazione commerciale e di corpi di fabbrica da quattro a sei piani a destinazione residenziale, per un totale di 25 appartamenti di diversa dimensione e tipologia (simplex, duplex e triplex), tutti con balcone o terrazzo di pertinenza, in parte piantumato e affacciato verso la corte interna. 
La facciata principale, che è suddivisa orizzontalmente in tre fasce con diversa materialità -bugnato cementizio, muratura a intonaco e vetrata a doppia pelle- riprende la scansione delle aperture del fabbricato originario e l’altezza degli edifici attigui, allineandosi ai rispettivi cornicioni. Il quinto e sesto piano, completamente vetrati e arretrati di due metri rispetto al filo di facciata, risultano perimetrati da grande cornice in pietra che da una parte riprende, enfatizzandolo, l’elemento architettonico di chiusura degli edifici confinanti, dall’altra rende evidente la matrice contemporanea dell’intervento. Dal punto di vista funzionale rappresenta la zona dell’edificio dove sono concentrate le unità abitative su più piani.
Dall’ingresso principale su strada, in posizione centrale rispetto alla facciata, si accede alla corte interna che è stata strutturata come piattaforma coperta per i percorsi alle attività commerciali del piano terra, e ai piani superiori come affaccio “verde” dei prospetti interni. Il lotto, originariamente chiuso da quattro alte pareti, ora si presenta aperto e articolato da corpi di fabbrica di diversa altezza, con facciate interne caratterizzate dal rivestimento in legno fino al terzo piano e in pietra di Bedonia dal quarto al sesto ma anche da elementi aggettanti di grande trasparenza o ricoperti di vegetazione.
Alla funzione di fulcro distributivo dei vari collegamenti orizzontali e verticali (due vani scala con ascensore) è stata associata anche quella di spazio pubblico di aggregazione e di sosta per la presenza di due grandi alberi che, oltrepassando le ellissi in copertura (a quota + 4 metri), diventano parte del verde del terrazzo soprastante. 
Attorno alla corte sono distribuiti tutti gli appartamenti accessibili dai ballatoi, con parapetti in vetro e ringhiere in ferro, che ripropongono lo schema ottocentesco, ma in forma privata (con porta d’accesso) e utilizzabile come spazio esterno abitabile.
Gli appartamenti, che si differenziano per dimensione, tipologia e distribuzione, sono caratterizzati da una grande luminosità interna, da finiture di pregio (pavimenti in legno a listoni, rivestimenti in grés porcellanato) e da alcuni elementi di design contemporaneo (pareti vetrate, cucina, arredi e sanitari dei bagni).

da Modulo 387
Post correlati