QUARTIERE RESIDENZIALE GIUNCOLI

Città: FIRENZE
Nazione: ITALIA
Tipologia: RESIDENZA
Progettista Architettonico: RESARCHITETTURE
Date: 2012
Trentasei alloggi, un nuovo insediamento che ha previsto il completamento di un’area residuale nella periferia fiorentina, inaugurati di recente dal Sindaco Matteo Renzi. Una periferia che ha perso le connotazioni meno qualificanti del termine attraverso la realizzazione di 124 alloggi di edilizia sociale, spazi pubblici e commerciali, verde pubblico, parcheggi, opere di difesa idraulica. Punto di partenza dell’operazione è stata la volontà di perseguire il miglioramento della qualità insediativa, attraverso la progettazione di un quartiere residenziale che contribuisse alla riqualificazione del tessuto urbano e rappresentasse, mediante le spiccate caratteristiche prestazionali, un progetto pilota a livello energetico nell’ambito dell’edilizia residenziale pubblica.
Il progetto edilizio prevede la realizzazione di 36 unità abitative (con una superficie utile media per alloggio di 60 m2) e di un centro civico, che si impostano su 6 livelli fuori terra oltre al piano interrato.
La progettazione, che coniuga housing sociale e alta efficienza energetica, garantisce livelli prestazionali equivalenti alla classe “A”, attraverso la razionalizzazione dell’intero processo costruttivo e la semplificazione delle soluzioni progettuali, in modo da compensare gli extra-costi con equivalenti risparmi. Come risultato finale i 36 alloggi hanno un indice di prestazione energetica globale (Epgl) pari a 32,15 kWh/m2 anno.
L’edificio rappresenta il fondale della nuova quinta urbana costituita dall’insediamento di Giuncoli, caratterizzato, nella parte centrale, da un grande spazio pubblico pedonale. La configurazione planimetrica dell’intero insediamento è stata sviluppata seguendo criteri bioclimatici legati allo sfruttamento delle potenzialità del sole e del vento: a questo proposito, l’edificio E.R.P., che presenta orientamento nord – sud, consente al 100% l’applicazione di strategie bioclimatiche per il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale. L’architettura si presenta come una tipologia in linea suddivisa in due corpi avanzati laterali, e una zona centrale arretrata. Il prospetto principale (sud) è composto da un sistema complesso di aggetti, logge ed elementi schermanti, che creano un volume edilizio compatto, con una forte identità compositiva e una imponente presenza architettonica. Il prospetto nord, scandito dai quattro vani scala, è caratterizzato da pareti uniformi con aperture regolari e di superficie contenuta. Le facciate laterali si connotano per la presenza di una fascia verticale di balconi, schermata sul lato sud da un frangisole continuo. Uno degli obiettivi primari dell’intervento è stata la sperimentazione di soluzioni avanzate in grado di aumentare le prestazioni energetiche dell’edificio e il livello di comfort naturale, soprattutto per il periodo estivo. In quest’ottica l’edificio si presenta caratterizzato dal diverso trattamento dei due fronti: fronte Nord, con chiusure verticali di dimensioni contenute, ma ad elevato coefficiente di trasmissione luminosa, vetri stratificati, telai a bassa permeabilità dell’aria, basso fattore solare e bassa trasmittanza termica e acustica; fronte Sud, con gli spazi di vita che si aprono sull’area verde, con chiusure verticali vetrate e schermate dall’ampio aggetto della copertura, dei balconi e delle logge con gli elementi brise-soleil.

Di Erica Ventrella
Pubblicato su Modulo n. 382 marzo 2013