BLACKFRIARS BRIDGE

Città: LONDRA
Tipologia: INFRASTRUTTURE
I 4.400 pannelli fotovoltaici che coprono il tetto della stazione forniscono sino alla metà del fabbisogno energetico della stazione, riducendo le sue emissioni di CO2 di circa 511 tonnellate allanno, che equivale approssimativamente a 89.000 viaggi in auto (viaggio medio).
L'insieme va a completare la stazione di Blackfriars, totalmente rinnovata, che presenta:una nuova entratata sulla sponda sud del Tamigi, prima inesistente;i quattro nuovi binari dei treni Thameslink, rinnovati e più lunghi (linea che attraversa Londra da nord a sud) migliorano sostanzialmente i collegamenti con le parti periferiche della metropoli Britannica, dalle coste a sud, sino a Cambridge. Il tutto ad integrazione di una rete di trasporti di primo piano, con l’omonima stazione della metropolitana, che è stata totalmente ristrutturata.
L’ottica con la quale è stato portato a termine questo progetto e’ stato il miglioramento del trasporto riuscendo così a smaltire il traffico di persone, in entrata ed uscita, con maggiore velocità e permettendo nello stesso tempo di risparmiare il 50% del fabbisogno energetico sul consumo totale del nuovo e migliorato interscambio tra First Capital Connect ed i servizi di London Underground.
Il design e l’installazione di 6000 m2 di pannelli fotovoltaici è stato realizzato da Solarcentury. 
Il Ponte Solare
Il sistema è il più grande schieramento di pannelli solari su di un ponte al mondo, e fornisce sino al 50% dell’energia della stazione. Grandezza del Sistema: 1.1 MWp -  Numero di pannelli solari: 4.400 -  Area di sistemi fotovoltaici solari: 6.000 m2 - Generazione annuale di energia: 900.000 kWh - Risparmio annuale di CO2 : 513,000kg