PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI

Città: ROMA
Nazione: ITALIA
Tipologia: CULTURA
Progettista Architettonico: ABDR ARCHITETTI ASSOCIATI
Date: 2007
Il progetto della ricostruzione della ex serra Piacentini del Palazzo delle Esposizioni in Roma si contraddistingue per l’innovatività delle scelte progettuali, proponendo un manufatto di alto valore qualitativo dei materiali adottati, per le caratteristiche funzionali, per l’efficienza complessiva dell’organismo edilizio. Dal punto di vista architettonico, il progetto è finalizzato al rispetto della compiutezza delle volumetrie e delle partiture decorative del Palazzo, attraverso le tecniche della sottrazione e del minimalismo complessivo. Obiettivo principale di questa “valorizzazione” è l’accoglimento a pieno titolo della struttura della serra all’interno del programma istituzionale del Palazzo e la sua definitiva integrazione funzionale, tecnologica e formale nell’organismo architettonico di Pio Piacentini. L’ex serra Piacentini diviene l’occasione principale di riconnessione urbana verso via Piacenza e lo strumento per innescare un processo di riqualificazione di quella parte della città rimasta il “retro” del Palazzo. Al raggiungimento di questi obiettivi contribuisce l’organicità interna della soluzione architettonica, la proposta di assetto volumetrico, nelle sue caratteristiche di trasparenza e di adeguatezza funzionale e tecnologica. All’esterno, la soluzione di successione dei materiali tra il basamento murario, i volumi tecnici rivestiti in travertino, la serra vetrata e l’aerea soluzione di copertura determinano dal basso verso l’alto un effetto di misurata e progressiva smaterializzazione del volume della nuova “ex serra Piacentini”. A ciò, in forza della completa linearità e semplicità volumetrica della soluzione proposta, nonché della sottigliezza delle soluzioni strutturali adottate per la sospensione dei vetri, si aggiunge l’effetto sorprendente di inversione luminosa e simbolica tra il funzionamento diurno e notturno. Un grande volume vetrato di giorno, il prisma smaterializzato e luminescente della serra diventa una “lanterna urbana” sorprendente di sera, che amplifica le funzioni espositive e le possibilità comunicative del Palazzo. La volumetria principale è un grande parallelepipedo realizzato, nelle partizioni verticali, con lastre di vetro strutturale stratificato temperato bassoemissivo e da un retrostante sistema di tende mobili ad elevata tenuta e capacità riflettente. Le lastre sono prive di qualsiasi tipo di intelaiatura e sono sorrette per mezzo di un sistema di sostegni metallici ancorati ad una controventatura orizzontale realizzata con lastre di vetro stratificato e temperato. Crediti fotografici: ABDR