NUOVO CENTRO CULTURALE JIANG WAN

Città: SHANGHAI
Nazione: CINA
Tipologia: CULTURA
Progettista Architettonico: RTKL ASSOCIATES
Espressione eloquente della dinamica ecologica, prototipo sostenibile, modello avanguardistico: il Nuovo Centro Culturale Jiang Wan, disegnato da RTKL Associates, è una piattaforma-rifugio, un parco aperto a differenti utenze. Il complesso multifunzionale non è altro che un prodotto scaturito dalle più calde considerazioni ambientali e tecnologiche, la vetrina di una strategia progettuale innovativa e necessaria, un riparo pubblico intellettuale. Mostre, spazi per l’istruzione e l’intrattenimento, luoghi ricreativi esterni compongono le tracce di questo polo culturale che rifugge dalla logica di mero contenitore funzionale per imporsi a progetto consapevole, promotore di una sensibilità nuova legata al mutuo rapporto tra società ed ambiente. Due livelli di servizi pubblici definiscono la configurazione multi-dimensionale del centro culturale, caratterizzato da una composizione volumetrica articolata: dal basamento fortemente materico, rivestito in granito locale e pannelli riciclati in legno composito e contenente 65.000 mq di parcheggio, svettano i corpi traslucidi della copertura. Oggetti isolati e quasi scultorei, le forme del secondo livello penetrano nella piattaforma orizzontale e acquistano il ruolo di elementi straordinari tanto per la collocazione che per il trattamento superficiale dell’involucro esterno. Contrastando infatti con le tonalità chiare del grande porticato del piano terra, il sistema di facciata dei corpi emergenti è un dispositivo a doppia pelle, costituito da lastre di vetro opache riflettenti che agiscono da sistemi schermanti per le radiazioni solari. L’utilizzo di un duplice involucro, anche se in vetro, contribuisce notevolmente alla protezione dell’edificio, incrementando le sue prestazioni energetiche. L’”effetto camino” e la circolazione dell’aria nell’intercapedine tra i due pannelli (interno ed sterno) permettono infatti un abbassamento della temperatura sulla facciata più interna in estate e un innalzamento in inverno grazie all’accumulo di calore, assorbendo gli sbalzi termici altrimenti difficilmente controllabili. Ventilazione naturale, energia solare, orientamento ottimale e materiali riciclati sono alcune delle strategie sostenibili del progetto, posizionato in modo da bloccare la luce del sole basso occidentale e mitigare le radiazioni orientale del mattino con profondi aggetti.