NEUES MUSEUM

Città: BERLINO
Nazione: GERMANIA
Tipologia: CULTURA
Progettista Architettonico: DAVID CHIPPERFIELD ARCHITECTS
Date: 2009
Lo sviluppo dell’Isola dei musei è iniziato nel XVI secolo come giardino per il Castello di Berlino. L’ Altes Museum di Karl Friedrich Schinkel è stato completato nel 1828 e poi nel 1841 il re Friedrich Wilhelm IV di Prussia ordinò al suo architetto di corte, Friedrich August Stüler, di elaborare un piano per sviluppare la terra dietro all’Altes Museum per creare un "santuario per le arti e le scienze". Progettato da Stüler, il Neues Museum è diventato il primo componente di questo paradiso visionario ed è stato eretto tra il 1841 e il 1859. Il Neues Museum è stato il primo museo a tre piani mai costruito ed è stato organizzato come una costruzione solitaria eseguita secondo una pianta semplice che racchiudeva due cortili e con un salone con una grande scala rettangolare che saliva su tutti i piani e occupava tutta la larghezza dell'edificio. Durante la Seconda Guerra Mondiale i bombardamenti danneggiarono gravemente alcune sezioni e ne distrussero completamente altre. Dopo la guerra sono stati fatti pochi tentativi di riparazione e il relitto è stato lasciato esposto con un minimo di consolidamento e di protezione intrapresi durante il periodo della Repubblica Democratica Tedesca. Dopo l'assunzione di David Chipperfield Architects per il progetto nel 1997-98, l'edificio e il restauro sono stati completati in undici anni e l'intera isola dei musei è stata aggiunta all'elenco del patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO nel 1999. Il progetto era unico dato che nessun tentativo di ricostruzione precedente era stato pienamente realizzato nel periodo relativamente lungo di inattività. L'intenzione originaria del suo patrono di collegare il design del museo e la presentazione in un rapporto simbiotico di mostre e spazi espositivi non solo ha perso il suo appello per il visitatore contemporaneo, ma in molti casi non poteva più essere creato in quanto gran parte del materiale originale - sia manufatti che stanze - non esisteva più, specialmente negli spazi più grandi dove questa mancanza era originariamente più evidente. Considerando la strada da percorrere, era chiaro che la rovina non doveva essere interpretata come sfondo per un'architettura completamente nuova, né come una ricostruzione esatta di ciò che era stato perduto in modo irreversibile. Una singola struttura continua incorpora quasi tutto il tessuto danneggiato disponibile permettendo contemporaneamente l’utilizzo di una serie di elementi contemporanei. Gli obiettivi chiave del progetto erano quello di ricompletare il volume originale e di riparare e ripristinare le parti rimaste dopo la distruzione della seconda guerra mondiale. La sequenza originale delle sale è stata restaurata con sezioni di nuova costruzione che creano continuità con la struttura esistente. Il restauro quasi archeologico ha seguito le linee guida della Carta di Venezia, rispettando la struttura storica nei suoi diversi stati di conservazione. Le nuove sale espositive sono costruite con elementi in calcestruzzo prefabbricati di grande formato costituiti da cemento bianco miscelato con marmo sassone. Formata dagli stessi elementi in calcestruzzo, la nuova scala principale ripete l'idea formale dell'originale senza replicarla e si trova all'interno della maestosa sala che è conservata solo come un volume di mattoni, priva del suo precedente ornamento. Con il ripristino e il completamento del colonnato prevalentemente conservato ai lati orientali e meridionali del Neues Museum, la situazione urbana pre-guerra è ristabilita a est. Un nuovo edificio, la James Simon Gallery, sarà costruito tra il Neues Museum e il Kupfergraben, rimandando alla situazione urbana del sito prima del 1938. Nell’ottobre 2009 dopo più di sessant’anni di rovina il Neues Museum è stato riaperto al pubblico. Crediti fotografici: Christian Richters.