EDIFICIO PER UFFICI EUROPAALLEE 21

Città: ZURIGO
Nazione: SVIZZERA
Tipologia: EDIFICI PER UFFICI
Progettista Architettonico: DAVID CHIPPERFIELD ARCHITECTS
Date: 2013
'Europaallee' è un nuovo complesso urbano adiacente alla stazione ferroviaria principale di Zurigo. Situato su un sito industriale precedentemente occupato dalle Ferrovie federali svizzere e dal servizio postale del paese, il nuovo master plan è stato sviluppato da Kees Christiaanse. Nella prima fase un nuovo edificio di Max Dudler per la Pädagogische Hochschule Zürich (un corso di formazione per insegnanti) è stato aggiunto all'edificio esistente Sihlpost. Nella seconda fase è stato costruito un nuovo complesso aziendale, Europaallee 21, sul sito limitrofo. Si compone di quattro edifici per uffici disegnati da tre studi di architettura: Max Dudler, Gigon / Guyer Architekten e David Chipperfield Architects. I quattro edifici insieme formano un blocco perimetrale continuo con un cortile centrale pubblico accessibile attraverso ampi passaggi. Gli ingressi principali degli edifici di otto piani sono situati direttamente di fronte a questi passaggi. Sebbene gli edifici siano accessibili separatamente, sono collegati tra loro tramite ponti a tutti i livelli superiori. Mentre sono unificati internamente in un unico complesso con solai continui, conservano i propri interni particolari e esprimono la propria individualità all'esterno con differenze nella costruzione e nei materiali. L'edificio progettato da David Chipperfield Architects occupa l'angolo nord-est del sito ed è definito da una geometria chiara e da una pianta razionale. Gli interni senza colonne forniscono il massimo grado di flessibilità. La razionalità si riflette in una semplice facciata con bande orizzontali alternate di finestre e solai. La fascia delle finestre a tutta altezza è intensificata dall'utilizzo di una rete in alluminio stampato con diversi livelli di perforazione. Il vetro delle finestre, arretrato rispetto alla facciata, crea una serie ritmica di nicchie e la sequenza in cui vengono posizionati i pannelli diagonali varia di livello in livello. Nella sua percezione l'edificio oscilla tra austerità e giocosità, chiusura e apertura. Le nicchie di facciata offrono una buona vista sul viale Europaallee e sul cortile interno. Crediti fotografici: Stefan Müller