DURST PHOTOTECHNIK S.P.A.

Un nuovo e moderno quartiere generale si presenta come insegna dell’impresa operante a livello internazionale Durst ag e rivaluta e rafforza la posizione di Bressanone come sede principale.
Città: BRESSANONE
Nazione: ITALIA
Tipologia: EDIFICI PER UFFICI
Work in Progress - Progetto Architettonico: MONOVOLUME ARCHITECTURE + DESIGN
Inizio Lavori: 2017
Fine Lavori: 2019
Di grande importanza è l'incorporazione e il coinvolgimento con l’edificio esistente progettato da Othmar Bart. L'idea originale di un'ala galleggiante piatta con torre sarà reintrodotta e crea il nuovo volto della sede. Il nuovo edificio si presenta come una costruzione omogenea e compatta che risveglia l’interesse per la sua insolita facciata. La facciata pixelata di forma organica è composta da elementi in calcestruzzo leggero che procurano una grande riconoscibilità. Negli stipiti delle finestre saranno installate delle luci a led per cui la facciata può essere messa in scena dinamicamente come una "facciata pixelata“ durante la notte. La linea del basamento in vetro è ripresa e continuata, mettendoci sopra un corpo a due piani leggermente curvo e allungato, che trova la sua fine nella torre di sei piani. Saranno costruiti collegamenti diretti con l'edificio esistente in modo da consentire un allacciamento ideale. 
Il piano terra prende la linea della facciata e si aggancia a nord con l’edificio amministrativo, realizzato come uno spazio aperto, con una zona demo /lfp e una tessile con i suoi corrispondenti spazi e laboratori. Nella parte sud c’è il nuovo ingresso per i clienti con il foyer, il bar e i bagni; una scala aperta conduce al primo piano dove sono alloggiati il servizio clienti ed il label. Nella parte sudest si trovano gli uffici e lo sviluppo spaziale. 
Il secondo piano è destinato ad uffici con stanze per conferenze e una connessione diretta tramite un ponte verso l'ala ufficio esistente. Nel terzo e quarto piano della torre ci sono gli uffici per la direzione e il quinto piano è utilizzato come spazio per conferenze o mostre. Nel piano interrato si trovano le ceramiche, il magazzino fieristico e il campo da squash, come anche spogliatoi, docce e bagni. Anche la viabilità sarà riorganizzata, in modo che l’accesso per il personale e i clienti sia separato dall’accesso per le consegne. Dopo il cancello d’ingresso si ritrova un piazzale da dove si arriva al nuovo ingresso coperto per i clienti.

Crediti fotografici: Monovolume
Post correlati