CENTRO COMMERCIALE AD ISTANBUL

Città: UMRANIYE
Nazione: TURCHIA
Tipologia: RETAIL
Progettista Architettonico: FOREIGN OFFICE ARCHITECTS
Date: 2007
Il progetto per il centro commerciale ad Istanbul inizia nel 1999, quando la Metro Group Asset Management, gigante tedesco della grande distribuzione, acquista un lotto nella periferia asiatica di Umraniye: un distretto popolare di Istanbul che, grazie alla realizzazione del secondo ponte sul Bosforo nel 1988, ha rafforzato la sua posizione di strategico collegamento tra i due continenti ed oggi ospita le sedi di importanti multinazionali che hanno agito da catalizzatori della rivitalizzazione economica locale.
Premiato grazie ad un concorso per l’idea progettuale, lo studio Foreign Office Architects trasforma l’area commerciale in un polo civico. Il complesso si sviluppa, infatti, intorno ad uno spazio pubblico articolato e arredato con verde e giochi d’acqua, su cui si affacciano i luoghi deputati allo svolgersi della vita sociale e cioè: il centro commerciale ed il multiplex.
Scelta determinante è stata quella di realizzare un capiente parcheggio interrato. Liberato dal traffico carrabile, il piano terra si è riappropriato del suo potenziale urbano. Centro generatore del masterplan, questa strategica piazza presenta una forma trapezoidale lambita da gradinate per adattasi ad anfiteatro. Come una girandola, la piazza genera percorsi pedonali che proseguono sulla copertura, creando così un innovativo ed ininterrotto disegno topografico. Per oltre 1.000 mq, la superficie fruibile della copertura è trattata come un prato a raso, ideale per attività sportive e pic-nic sull’erba; le restanti parti presentano una vegetazione dal lungo ed intenso fogliame che, al soffiare dei venti, crea dinamici effetti scenografici.
Natura e costruito si integrano nel susseguirsi fluido delle forme, dei volumi, degli spazi urbani e commerciali secondo la logica della trasformazione plastica di geometrie complesse.
Meydan è stato realizzato nell’arco di un anno e mezzo con una tecnica strutturale di tipo misto: le fondazioni e le parti ipogee sono in cemento armato, i solai, invece, in carpenteria metallica. Le coperture voltate del centro commerciale si ispirano alla tecnica costruttiva delle cupole, raggiungendo fino a 16 metri di luce libera, nel rispetto dei rigorosi vincoli imposti dalla normativa antisismica.
Le superfici, non ricoperte da vegetazione, adottano, sia in pianta che in alzato, lo stesso materiale: clicker color rosso variamente perforato, secondo le necessità della luce, ventilazione e introspezione richiesta dagli spazi retrostanti. Il design dei pannelli estrusi prefabbricati è stato curato da Foreign Office Architects con motivi grafici ispirati all’architettura islamica dell’Anatolia. La sostenibilità è una priorità insita nelle strategie progettuali: la super coibentazione delle coperture verdi ed i getti d’acqua, al centro della piazza, mitigano il clima estremo dell’estate. La luce naturale inonda gli spazi interni grazie alle ampie vetrate e ai lucernari che bucano il profondo pacchetto della copertura. All’interno, la lamiera bianca dei controsoffitti amplifica la luce, rifrangendosi sui piani inclinati delle cupole a sezione piramidale scalena. L’intero centro commerciale è dotato del maggiore impianto geotermico esistente in Turchia.
Di Cristina Donati
Pubblicato su Modulo n. 350 aprile 2009

Fotografie: courtesy Metro Asset Management