CANTINA VINICOLA PORDENUOVO

Nazione: ITALIA
Tipologia: INDUSTRIA
Progettista Architettonico: ALVISI KIRIMOTO + PARTNERS
Il progetto della Cantina Vinicola Pordenuovo nasce da un attento esame del contesto in cui si inserisce: la vigna definita e regolare lascia spazio con il suo andamento all’edificio, diventandone quasi naturale conclusione. Il complesso non si sviluppa dunque da una cesura nel terreno ma si configura un elemento che si adatta al sito e che cresce in armonia con esso al punto da determinare un impatto minimo nel paesaggio. Alvisi Kirimoto + Partners, studio incarico della definizione architettonica della cantina, sfrutta le curve di livello e gli sbalzi di quota per celare il costruito senza privarlo tuttavia di una sua identità spaziale e formale.
Il luogo scelto per insediare la cantina, deputata ad accogliere tutte le funzioni di produzione e di gestione, è il punto più alto della vigna: qui l’architettura si inserisce nel pendio fino a nascondersi completamente sotto terra. La struttura del complesso è caratterizzata da una serie di setti inseriti nel terreno fino a scomparire mentre la copertura piana diviene un tetto giardino panoramico sulle viti circostanti.
Gli spazi interni sono distribuiti per avere il migliore layout funzionale e il massimo della compattezza e semplicità strutturale: un corridoio centrale percorre tutta la lunghezza e permette l’accesso ai locali di lavorazione, stoccaggio e agli spazi tecnici.
I materiali scelti per definire l’edificio perseguono l’obiettivo di un’ulteriore integrazione della cantina con il paesaggio. I lunghi setti sono realizzati in cemento armato faccia a vista, al quale sono stati addizionati nell’impasto pigmenti tali da renderlo molto simile per colore alla terra senese. La copertura è in parte pavimentata in cotto e in parte con il tetto giardino che prevede essenze come ulivi.