BIBLIOTECA MABIC

La nuova Biblioteca di Maranello sostituisce un ex capannone di cui sono stati mantenuti i muri perimetrali e sorge in aderenza ad alcuni fabbricati residenziali.
Città: MARANELLO
Nazione: ITALIA
Tipologia: CULTURA
Date: 2011
Protetta da una pelle trasparente curvilinea, su cui s’innesta il blocco opaco che ospita le funzioni di supporto, l’edificio s’incastra all’interno del vecchio involucro e mette a disposizione dei cittadini uno spazio di circa 1050 mq. L’area ritagliata tra la chiusura verticale in vetro e il perimetro in muratura è occupata da uno specchio d’acqua, che si protende a Nord verso la strada. 
L’accesso, coperto da una pensilina a sezione triangolare che conclude il perimetro organico dell’edificio, è ubicato a Ovest, affacciato sulla nuova piazza. Una prima area filtro, la hall, ospita centralmente la scala, mediante la quale si accede alla sala Polifunzionale, ubicata al piano inferiore, mantenuta così indipendente dalla biblioteca vera e propria e alle varie funzioni di servizio, quali i guardaroba, gli uffici, la ludoteca. 
Un secondo doppio accesso, ritagliato all’interno del diaframma in vetro, conduce agli ambienti principali della biblioteca suddivisi per fasce di età. Un sistema di scaffalature bifacciali scandisce lo spazio centrale separando le aree adibite ai giovani da quella di consultazione enciclopedica, destinata agli utenti adulti. La parete trasparente garantisce all’interno della sala lettura un’ottima illuminazione naturale, integrata nelle aree più interne da lucernari. L’acqua della vasca esterna costituisce l’elemento di interconnessione tra le pareti squadrate del perimetro esistente e la superficie curva del polo culturale. Sul fondo della vasca, come in copertura, si trova uno strato di ghiaietto bianco, che riduce l’effetto isola di calore. I muri perimetrali interamente vegetati, agendo in sinergia con l’acqua, garantiscono il miglioramento delle condizioni microclimatiche, la depurazione dell’aria nonché l’attenuazione dei rumori provenienti dall’esterno. 
Per la climatizzazione dell’edificio, ottenuta con un sistema a tutt’aria, è stato realizzato un impianto geotermico, che copre l’energia primaria per il condizionamento estivo per l’85% e per il riscaldamento invernale per il 93% mentre impianto a pannelli solari temici fornisce più del 50% dell’acqua calda sanitaria. 

Crediti fotografici: Andrea Maffei Architects