550 MADISON AVENUE

A New York, lo studio norvegese Snøhetta firmerà la trasformazione e la reinterpretazione dell’atrio e del basamento del’ex AT&T Building, diventato poi Sony Building e oggi 550 Madison Avenue, l’iconico edificio postmodernista progettato Philip Johnson nel 1984.
Città: NEW YORK
Nazione: STATI UNITI D'AMERICA
Tipologia: MIXED USE
Work in Progress - Progetto Architettonico: SNØHETTA
Inizio Lavori: 2017
La proposta di progetto prevede la conservazione della parte superiore dell’edificio e la trasformazione della parte inferiore in una facciata continua ondulata in vetro che metterà in evidenza l’entrata ad arco e rivelerà l’impressionante struttura in acciaio esistente, donando più vitalità all’edificio.  
Le attività all'interno della hall, dell'atrio e dei primi 2 livelli dell'edificio vengono rivelate ai passanti entrando così in relazione con l’energia vibrante della strada. L’attuale Sky lobby diventerà il cuore del grattacielo dove verranno offerti servizi di prim’ordine mentre l’adiacente area pubblica sarà ampliata di quasi il doppio e convertita in un giardino all’aperto.  
Per quanto riguarda gli interni il re-design dell'edificio modernizza gli spazi a cui verranno aggiunti servizi specializzati, negozi di alta qualità e ristoranti gourmet. 
Il progetto di rinnovamento del 550 Madison aspira ad essere un punto di riferimento per il rinnovamento dei grattacieli commerciali e mira ad ottenere la certificazione LEED Gold per la sostenibilità, la certificazione WELL per i materiali naturali e la certificazione WIRED per le infrastrutture digitali. 

Crediti fotografici: Snøhetta