Pubblicato il 3 aprile 2019

Snøhetta si aggiudica il concorso per la realizzazione della Grand Opera House di Shanghai

Lo studio norvegese, a seguito di un concorso internazionale, è stato incarico di progettare la Grand Opera House di Shanghai, in Cina. Il progetto mira ad attrarre un vasto pubblico attraverso l’offerta di spettacoli di opere tradizionali e cinesi, concerti di musica classica e più sperimentali.
Lo studio ha sviluppato il progetto architettonico, il landscape, l’interior e il graphic design con la collaborazione dello studio di architettura locale ECADI. 

Il progetto è stato concepito per diventare uno dei fulcri del nuovo piano urbanistico per Shanghai, che mira a collocare la città in prima linea nel mondo, economicamente, scientificamente e culturalmente. 

L’Opera House, infatti, si propone come una delle principali destinazioni culturali cittadine, tanto da essere definito, all’interno del 13esimo piano quinquennale, come l’iniziativa più importante per rafforzare l’influenza culturale e globale di Shanghai. 

La Shanghai Grand Opera House è una progressione naturale del nostro precedente lavoro inerente alla progettazione di centri per le arti e lo spettacolo” – ha raccontato Kjetil Trædal Thorsen, co-fondatore dello studio – “È il culmine della competenza e dell’intuizione acquisite attraverso progetti come la Norwegian National Opera and Ballet, la Busan Opera House in Corea del Sud, l’Isabel Bader Center for the Performing Arts in Canada e il Théâtre Nanterre-Amandiers a Parigi. La Grand Opera House è un prodotto della nostra comprensione del contesto e dei nostri valori, pensato per promuovere la parte pubblica dell’edificio per i cittadini di Shanghai e non solo”. 

Attraverso la sua estetica, la sua funzionalità e la sua ambizione culturale ed ecologica, la Grand Opera House, infatti, diventerà un luogo di classe mondiale in grado di attrarre artisti e visitatori e da tutto il mondo. 


Crediti fotografici: Snøhetta
Progettista: SNØHETTA
Categorie: Architettura