Rinforzo strutturale con materiali compositi

Pubblicato a dicembre 2012, il volume di Grafill Editoria Tecnica “Rinforzo strutturale con materiali compositi. Le fibre di carbonio e i nuovi materiali compositi frp fiber reinforced polymers, srp steel feinforced polymers, frg fiber reinforced grout, srg steel reinforced grout e nuovi materiali biocompatibili – scelta, progettazione e realizzazione” tratta argomenti legati all’applicazione dei materiali compositi nelle costruzioni civili, industriali e di interesse monumentale. Il testo curato da Domenico Brigantesi sofferma lungamente nella descrizione delle tecnologie adoperate per la realizzazione di manufatti per interventi di ripristino strutturale in monumenti particolari o in semplici strutture comuni. Gli specifici aspetti realizzativi dei rinforzi su strutture in c.a., legno, muratura e acciaio sono approfonditi sia per ciò che riguarda gli aspetti tecnico-progettuali sia per quanto concerne le fasi realizzative dell’opera e le successive caratterizzazioni meccaniche dei sistemi posti in opera.
In questa seconda edizione del volume, è stata introdotta l’analisi delle fibre naturali utilizzabili per la realizzazione di compositi biocompatibili come le fibre di lino, agave e canapa. Schemi di voci di capitolato e particolari costruttivi da utilizzare nell’ambito di documentazioni tecniche, esempi di calcolo e di intervento e descrizioni di modalità di collaudo e monitoraggio degli interventi, rendono il testo un valido strumento per il progettista ma anche per l’utilizzatore finale.
Suddiviso nelle sezioni MATERIALI COMPOSITI, PROCESSI DI FABBRICAZIONE, SCELTA DEL SISTEMA COMPOSITO, NORMATIVA PER IL RINFORZO DI STRUTTURE ESISTENTI, RINFORZO DI STRUTTURE IN C.A. E C.A.P., RINFORZO DI STRUTTURE IN MURATURA, CARATTERIZZAZIONE E MONITORAGGIO DEI SISTEMI APPLICATI, MODALITA’ E TECNICHE DI APPLICAZIONE, ESEMPI DI CALCOLO, COMPOSITI NATURALI, ESEMPI DI APPLICAZIONE, IL SOFTWARE INCLUSO, il volume costituisce una fondamentale guida pratica per l’ingegnere, il progettista, l’architetto o qualsiasi altro tecnico voglia avvicinarsi concretamente a questa innovativa tecnica di consolidamento strutturale.