LEGISLAZIONE - NUOVE RIFORME SECONDO IL DEF 2014

Il settore immobiliare viene considerato un importante strumento per dare nuovo impulso all'economia. Lo afferma il Documento di economia e finanza 2014 recentemente varato dal governo. Non sono poche le misure che riguardano i comparti del real estate e quelli contigui delle costruzioni. 
Vista la necessità di smuovere risorse che attualmente non ci sono il governo punta sul project financing, ponendosi come obiettivo la semplificazione delle regole del settore, escludendole dal Codice appalti. 
A tale scopo scopo il Def prevede l’aumento del valore dei singoli bandi, da effettuare su pacchetti di progetti con caratteristiche simili e non su singole opere; l’accentramento delle gare con una stazione unica di gestione e l’istituzione di un Fondo nazionale per la progettazione di opere in partenariato pubblico-privato. 
  
Per quanto riguarda il mercato immobiliare è prevista la liberalizzazione del mercato delle grandi locazioni, operazione che dovrebbe incentivare gli investimenti esteri per la realizzazione di grandi esercizi commerciali, grandi strutture alberghiere e ricettive, sedi centrali aziendali, vengono inoltre previste facilitazioni per i cambi di destinazione d’uso degli immobili.
  
Per l'edilizia l'obiettivo del governo è rendere il sistema economico più competitivo e attraente per gli investitori attraverso la creazione di procedure e modelli standard per le autorizzazioni del settore edilizio, la riforma della conferenza di servizi, la maggiore certezza del sistema sanzionatorio e una normativa più snella nel settore degli appalti. 
  
Sul tema turismo il governo prevede di adottare un Piano strategico nazionale con incentivi per l’ammodernamento delle strutture e la crescita dimensionale delle imprese turistiche favorendo le attività a basso impatto ambientale. 
  
Il Piano casa prevede il recupero e la realizzazione di alloggi sociali, l’abbassamento della cedolare secca al 10%, incentivi per il riscatto degli alloggi e il rifinanziamento del fondo affitti e del fondo per la morosità incolpevole. 
  
Mentre il Piano edilizia scolastica prevede la riqualificazione delle scuole attraverso interventi di messa in sicurezza, efficientamento energetico e adeguamento antisismico.