Le competenze profesisonali del progettista junior

La "Nuova circolare relativa alle competenze dell'architetto junior e del pianificatore junior alla luce dei fatti e mutamenti finora intervenuti" è stata elaborata e inviata ai Consigli provinciali degli Ordini dal Consiglio Nazionale degli Architetti P.P.C.
Formano oggetto dell'attività professionale degli iscritti nella sezione B:
Per il settore "architettura":
1) le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione dei lavori, stima e collaudo di opere edilizie, comprese le opere pubbliche;
2) la progettazione, la direzione dei lavori, la vigilanza, la misura, la contabilità e la liquidazione relative a costruzioni civili semplici, con l'uso di metodologie standardizzate;
3) i rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica.
Per il settore "pianificazione":
1) le attività basate sull'applicazione delle scienze volte al concorso e alla collaborazione alle attività di pianificazione; 2) la costruzione e gestione di sistemi informativi per l'analisi e la gestione della città e del territorio;
3) l'analisi, il monitoraggio e la valutazione territoriale ed ambientale;
4) procedure di gestione e di valutazione di atti di pianificazione territoriale e relativi programmi complessi.
La circolare del CNAPPC specifica che, in riferimento a quanto previsto dal D.P.R. n. 328/2001, le attività riconosciute all'architetto junior:
- non hanno alcuna restrizione per ciò che riguarda le attività in tutte le fasi del processo edilizio volte al concorso e alla collaborazione alle attività di pianificazione;
-meritano maggiore approfondimento quelle che concernono l'assunzione diretta della responsabilità di progettista e/o direttore dei lavori di "costruzioni civili semplici con tecnologie standardizzate".
Al pianificatore junior:
-viene attribuita una funzione di concorso e collaborazione nelle attività professionali rivolte alla pianificazione generale e/o territoriale. E' una figura esperta in sistemi informativi di settore, analisi e monitoraggio del territorio, gestione e valutazione di atti di pianificazione;
-assume un ruolo di responsabilità nelle procedure di realizzazione e gestione di sistemi informativi che utilizzano nuove tecnologie per l'analisi, la descrizione, l'interpretazione e la valutazione di sistemi urbani, territoriali e ambientali;
-possiede le conoscenze per analizzare i processi di trasformazione delle città e del territorio. Conosce i metodi e le tecniche di analisi delle forme e delle relazioni funzionali dell'ambiente fisico e dei suoi processi evolutivi, valuta gli effetti delle azioni di pianificazione sul contesto insediativo, ambientale, paesaggistico, sociale ed economico;
-assume diretta responsabilità nelle procedure di gestione e valutazione di atti di pianificazione territoriale e relativi programmi complessi, i quali possono essere definiti come strumenti fortemente innovativi per il governo del territorio.