Pubblicato il 4 aprile 2018

La GlassHouse nel giardino dello IUAV di Venezia

Una vera “Glass House” nel giardino dei Tolentini. Continuano i lavori per costruire il nuovo padiglione progettato dagli studenti per Iuav Open Day Interamente derivati dal vetro i materiali utilizzati.
Nel giardino dei Tolentini, storica sede dell’Università Iuav di Venezia, sta sorgendo, in occasione dell’Open Day che si terrà sabato 7 aprile, un padiglione temporaneo del tutto speciale. Si tratta di un prototipo innovativo di glass house (casa di vetro). 
La sua particolarità è che mentre gli edifici più noti di questo tipo, dalla Glass House di Mies van der Rohe, a quella di Philip Johnson, alla Casa de Vidro di Lina Bo Bardi, erano il frutto dell’uso di almeno due materiali, l’acciaio per le strutture e i sistemi orizzontali e il vetro per le pareti di tamponamento, in questo caso i derivati del vetro sono gli unici materiali usati. 
Iuav ha infatti ideato, con l’ausilio progettuale di studenti e docenti di architettura, un manufatto che esalta le potenzialità estetiche e strutturali dei profili FRP (fibre reinforced polymer) in fibra di vetro ottenuti per pultrusione (un processo di produzione delle fibre per trazione), il cui montaggio è stato affidato alla ditta Engie. Il materiale, resistente alle sollecitazioni quanto l’acciaio, ma incredibilmente più leggero e durevole, re-interpreta la sua antica origine attraverso i trattamenti oggi possibili grazie all’innovazione tecnologica che permette di restituire solidità ad un materiale fragile.  
Dal vetro deriva ogni parte di questo padiglione: dalla struttura, ai tamponamenti, alla copertura; la sua architettura guarda al futuro a partire dalle utopie del passato.
Costruito per ospitare gli incontri dell’Open Day di sabato 7 aprile, progettato da due studenti della laurea magistrale in Architettura e culture del progetto, vincitori di un concorso bandito per l’occasione dall’Ateneo, il manufatto non mostra solo in concreto le capacità degli studenti e dei docenti Iuav, ma anche le possibilità che il materiale offre, ad esempio, nel campo delle strutture di emergenza, delle costruzioni marine, dell’housing. Un’occasione in più, dunque, per visitare Iuav nel giorno del suo Open Day.
Categorie: Architettura