Il decreto FER per le energie elettriche rinnovabili

Il decreto per le FER elettriche attende soltanto la firma del Ministro dell'Ambiente. Esso prevede la concessione di incentivi per le energie rinnovabili, competitive dal punto di vista ambientale ed economico.
La bozza di decreto sulle FER elettriche, firmata dal Ministero dello Sviluppo Economico, darà il via alla concessione di incentivi per le energie rinnovabili nel periodo 2018-2020, attendendo soltanto la firma del Ministero dell’Ambiente. 

Il Decreto prende in considerazione le energie idroelettriche, il fotovoltaico, l’energia geotermica ed eolica onshore, l’energia proveniente da gas di discarica e di depurazione. Tutte energie, queste, giudicate molto competitive sia dal punto di vista ambientale che economico.
Gli incentivi verranno concessi per la maggior parte secondo criteri basati sulla capacità di ridurre i costi di produzione di energia e gli oneri sulla bolletta, oltre ad una maggiore produzione di energia pulita. 
Si tratta di registri per gli impianti di potenza fino a 1 MW e di aste al ribasso per quelli di potenza superiore a 1 MW. La cessione di energia fotovoltaica verrebbe remunerata da GSE con una tariffa di 110 €/MWh per impianti da 20 a 100 kW e di 90 €/MWh per impianti da 100 kW a 1 MW. 
Non avranno accesso agli incentivi i piccoli impianti e gli impianti fotovoltaici con potenza inferiore a 20kW. Inoltre non saranno concessi finanziamenti neanche alle biogas, biomasse, eolico off-shore, solare termodinamico, geotermia innovativa.
Categorie: Professione