Pubblicato il 26 ottobre 2018

Il cantiere della Sagrada Familia ottiene la licenza per costruire

Dopo 136 anni dalla posa della prima pietra, il cantiere infinito della Sagrada Familia di Gaudì ottiene la licenza di costruire: il cantiere era stato sempre portato avanti senza alcuna formale licenza.
L'amministrazione comunale e il Patronato della Sagrada Familia hanno siglato, il 18 ottobre, un accordo storico che dà leggittimità al cantiere della Basilica. 

Patrimonio dell'Unesco, la Basilica è stata oggetto di progettazione senza ottenere, nel corso dei 136 anni, il permesso di costruire. A quanto recita l'accordo, gli anni che mancano alla conclusione dei lavori sono 8. 
Il progetto si propone di attenuare l'uso dello spazio pubblico e gestire al meglio i flussi turistici e la mobilità nell'area circostante. Il Patronato della Sagrada Família contribuirà, a questo proposito, con 7 milioni per migliorare gli accessi alla stazione della metropolitana, 4 milioni per realizzare progetti per le strade limitrofe, 2,2 milioni di euro all'anno per 10 anni per migliorare il trasporto pubblico, 3 milioni per la manutenzione, la sicurezza dell'area.  

Oggetto ancora di discussione è la scalinata di accesso alla facciata della Gloria del tempio, verso la calle de Mallorca. La realizzazione della scalinata, contenuta nel progetto originale di Gaudí, comporterebbe la demolizione di alcuni edifici di due isolati, per l'apertura di un passaggio di accesso alla Basilica. 
Al seguito dell'approvazione della variante urbanistica e del piano elaborato dal Patronato, sarà discussa la questione dal Patronato stesso, dai rappresentanti degli interessi del quartiere e dagli enti locali.
Categorie: Architettura