Pubblicato il 27 giugno 2018

Francesco Vaj si aggiudica l’Innovation Square Centre di Torino Mirafiori

Giovane architetto classe 1985, già vincitore del concorso per la rifunzionalizzazione del convento dei frati francescani minori a Caluso (To), Francesco Vaj si è aggiudicato il concorso di progettazione bandito lo scorso marzo dalla società dell’automotive Sigit Group con la programmazione della Fondazione per l’architettura / Torino per la realizzazione di un nuovo polo di innovazione a Mirafiori.
Il concorso, a cui hanno partecipato ben 181 professionisti per un totale di 49 progetti, aveva come obiettivo la raccolta di proposte per la riqualificazione dell’ex tipografia disegnata negli anni Sessanta dall’architetto Gualtiero Caselegno per Mario Gros & C, per trasformare i 3.500 metri quadrati della struttura, distribuiti su tre livelli, in un centro di innovazione per lo smartworking e le imprese 4.0. 

A sbaragliare la concorrenza è stato proprio il team di Francesco Vaj, composto da Federico Degioanni, Chiara Gea, Claudio Fluttero, Luca Fabbian e Rocco Creazzo che ha immaginato per l’edificio una nuova vita giocata sul sapiente equilibrio tra passato e innovazione. 

La struttura esistente in cemento, infatti, verrà conservata e alleggerita grazie a nuove e ampie vetrate, mentre all’interno una nuova struttura sinuosa disegnerà lo spazio senza intaccare le strutture esistenti, ospitando su varie altezze i diversi spazi di lavoro. 

Il nuovo polo, situato nel cuore del quartiere Mirafiori, nell’area sud ovest di Torino, diventerà uno spazio aperto alla collaborazione tra le persone, al confronto per aziende e industrie, dove troveranno posto i centri di engineering, design e di ricerca e sviluppo di Sigit e le sedi di altre aziende e società di engineering.  

Il concorso, riservato a professionisti under 40 e indetto con il supporto dell'Unione Industriale di Torino, dell'Associazione nazionale filiera industria automobilistica (Anfia), con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Fondazione per l'architettura di Torino, ha visto classificarsi al secondo posto Tiziana D'Angelantonio con Simone Moggia e Giulio Pons; al terzo Matteo Benigna con Matteo Cecchi, Diego Collini, Marco Gatti, Giovanni Manzoni e al quarto Andrea Basile. 

Crediti fotografici: Fondazione per l’architettura / Torino
Categorie: Architettura