Pubblicato il 23 giugno 2016

Ferrara sperimenta l'Idropolitana: nuovi percorsi sulle vie d'acqua

Scoprire il paesaggio urbano muovendosi esclusivamente lungo percorsi d'acqua. A Ferrara un itinerario per scoprire il patrimonio storico e memoriale del fiume attraverso il recupero della navigazione, per molti decenni caduta in disuso. 
L'iniziativa è promossa dall'Associazione Fiumana e dall'ASD Canoa Club Ferrara in collaborazione con i partner del progetto "Smart Dock", Nena e l'ASD Società Canottieri Ferrara.  

Domenica 26 giugno, dalle 9.30 alle 12.00, si percorre il lungofiume cittadino a bordo del battello Nena con la guida esperta del presidente dell'associazione Fiumana, Georg Sobbe, e di Antonio Antonioni, fondatore e direttore sportivo dei Barcar' ad Puatel (Canoa Club Ferrara).
L'appuntamento è a Palazzo Savonuzzi, via Darsena, 57. Ci si muoverà lungo il Po di Volano per raggiungere la diramazione con il Primaro (dove la città di Ferrara è nata) e la piada di San Giorgio, quindi, ripassando dalla darsena, si arriverà al Po attraverso il canale Boicelli. L'escursione è gratuita. 

A partire da lunedì 27 giugno, fino a venerdì 1 luglio, a bordo della motonave Lupo sarà possibile tutti i giorni muoversi dalla darsena cittadina alla antica piarda di San Giorgio, allestita per l'occasione come piccola spiaggia urbana. Sarà possibile partire da Palazzo Savonuzzi alle ore 18.00, 18.40 e 19.20, mentre dalla ‘spiaggia' di San Giorgio alle ore 18.20, 19.00 e 19.40. Il viaggio avrà il prezzo simbolico di 2 euro per adulti e 1 euro per bambini dai 3 ai 10 anni. 
L'idropolitana chiuderà sabato 2 luglio, con una crociera fluviale e lagunare a bordo del battello Nena dalla darsena di Ferrara a Piazza San Marco a Venezia. La partenza è prevista per le ore 9.00 in via Darsena, 57, l'arrivo a Venezia, invece, per le 18.30. Il costo della crociera è di 50 euro per adulti e 25 euro per bambini (dai 3 ai 10 anni), il viaggio è gratuito per passeggeri fino a 3 anni.


Smart Dock 
È un progetto coordinato dall'APS Basso Profilo iniziato nel marzo 2015 e che si svilupperà da maggio a dicembre 2016 grazie al contributo regionale del bando ‘Giovani per il territorio', promosso dall'Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia- Romagna. L'obiettivo di "Smart Dock" è avviare a Ferrara con i cittadini, le associazioni e l'amministrazione un percorso di sensibilizzazione alla gestione e riorganizzazione dello spazio pubblico del fronte fluviale come luogo d'incontro e socializzazione intergenerazionale. Esito di questo percorso sarà la definizione di un regolamento, ‘Fiume bene comune', e la creazione di un progetto pilota di gestione della darsena di Ferrara in grado di mettere al centro la comunità locale. Il progetto si svilupperà secondo tre linee d'azione: consapevolezza, cioè raccolta di materiale storico e documentario (fotografie, cartografie, testimonianze orali) relativo al paesaggio fluviale urbano e periurbano, e attività didattiche rivolte ad adolescenti e bambini; familiarità, quindi azioni programmate con regolarità presso la darsena di San Paolo in modo che questo luogo possa essere percepito come familiare da chi vive la città (eventi musicali, attività ludiche, attività sportive); sguardo laterale, cioè un percorso in grado di determinare un cambio di prospettiva nella percezione del valore del fiume a Ferrara, attraverso un percorso di urbanistica partecipata e un evento site-specific per la darsena.

(fonte:ProfessioneArchitetto)
Categorie: Eventi