Pubblicato il 1 maggio 2013

Dismissioni patrimonio pubblico, arriva il fondo

L’ex Ministro dell’Economia ha firmato il decreto di costituzione della Sgr che gestirà il fondo immobiliare previsto dal decreto legge n. 87 del giugno 2012, poi confluito in sede di conversione nella spending review.
La società, guidata da Fortunato e partecipata al 100% dal ministero dell'Economia, potrà contare su un primo nucleo di circa 350 immobili pubblici dal valore di 1,5 miliardi già individuati dal Demanio. Successivamente le amministrazioni centrali e quelle locali sono chiamate a individuare i cespiti da dismettere dopo un adeguato intervento di valorizzazione. Anche gli enti previdenziali dovranno contribuire destinando al fondo una dote complessiva di circa 500 milioni nel triennio 2012-2014.
Infine, all'elenco potranno essere aggiunte le concessioni sui beni che l'Agenzia del demanio ha inserito nel progetto "valore Paese".