Costi che levitano e ritardi nei cantieri anche in Medio Oriente

Cresce l’inquietudine per i ritardi nell’implementazione delle opere dell’Expo e la difficile gestione economica. Problema comune evidentemente anche al Qatar che a distanza di ben 9 anni dalla data dei prossimi mondiali di calcio, già annuncia di aver ridotto . il numero di stadi che prevede di costruire di un terzo a causa del lievitare di costi e ritardi.
E’ prevista la costruzione di soli 8 stadi, in origine erano previsti 12 strutture, di cui 9 nuove e 3 ristrutturate.
Il Qatar (terza maggior riserva di gas naturale del mondo), ha preventivato una spesa di più di 200 miliardi di dollari in nuove infrastrutture per i Mondiali, 34 per un nuovo sistema ferroviario e metropolitano, 7 miliardi un porto e 17 miliardi dollari un aeroporto.