Pubblicato il 28 aprile 2016

Cooperare per innovare: nasce il consorzio Integra

Costruzioni, impiantistica, servizi e ingegneria: le cooperative fanno squadra per vincere le sfide del mercato moderno. 119 soci di cui 3 finanziatori, oltre 50.000 gli addetti coinvolti. 
Nasce oggi una nuova realtà, moderna e integrata, nel mondo cooperativo italiano, che mette insieme le eccellenze del mondo delle costruzioni con quello dei servizi e riscrive, adattandolo ai mutati scenari economici, un nuovo patto consortile: è Consorzio Integra, sede centrale a Bologna e presenza su tutto il territorio nazionale; un progetto industriale che si presenta con grandi numeri: capitalizzazione per quarantadue milioni di euro sottoscritta in meno di un mese, un portafoglio lavori di 2 miliardi di euro, un giro d’affari complessivo delle associate di circa 6 miliardi di euro, 119 soci di cui 3 finanziatori e un totale di oltre 50.000 addetti coinvolti. 
La nuova struttura, che fungerà da punto di riferimento nel mondo delle costruzioni, degli impianti, dei servizi e dell’ingegneria, con il suo radicamento sul territorio, la sua composita base sociale, i suoi requisiti e la sua capacità di leggere il mercato, si pone l’obiettivo di completare e accrescere l’integrazione, anche tra settori diversi, nelle nuove sfide di mercato, promuovendo in tal modo lo sviluppo, sostenibile, delle cooperative associate. 
Il nuovo Consorzio Integra nasce da un progetto del Consiglio di Gestione di CCC, Consorzio Cooperative Costruzioni, insediatosi lo scorso giugno 2015 sotto la presidenza dell’Ing. Vincenzo Onorato, con la volontà di tutelare e valorizzare il portafoglio lavori di CCC, con la consapevolezza dell’efficacia della struttura consortile sul mercato dei lavori pubblici, strumento di sostegno e sviluppo delle cooperative associate, per assicurare una crescita coerente con il valore della mutualità e della centralità del capitale umano. Il progetto imprenditoriale prende le mosse dalla volontà di assicurare uno sviluppo sostenibile al Consorzio, accrescere la base sociale sfruttandone la ricchezza in termini di capacità di risposta alle esigenze del mercato degli appalti pubblici, tutelare il patrimonio consortile. Il Consorzio si muove in un’ottica di grande trasparenza: si è infatti dotato di uno statuto moderno, che sviluppa al massimo grado consentito dalla legge il ruolo attribuito al Consiglio di Sorveglianza, all’interno del quale è previsto che siedano almeno tre componenti indipendenti, nella tutela degli interessi dei soci. L’insieme di queste caratteristiche costituisce una indubbia novità nell’intero panorama delle società di capitali e cooperative che hanno adottato il sistema dualistico di amministrazione e controllo. Il Consiglio di Gestione, che mantiene l’esclusiva competenza gestionale, è formato da una squadra giovane composta dal presidente Ing. Vincenzo Onorato, dal vice presidente Avv. Adriana Zagarese e dalla consigliera Arch. Claudia Dal Poz.
Categorie: Mercato