COIMA SGR ricapitalizza il fondo veneziano "Lido"

I tempi si sono dilungati ma, grazie alla ricapitalizzazione del fondo dedicato, da parte di COIMA Sgr, in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Unicredit, il progetto di riqualificazione del Lido di Venezia riparte. 
Il 15 maggio COIMA sgr ha infatti siglato, con il proprio partner London&Regional properties, un accordo con Intesa San Paolo e Unicredit che ha permesso di ricapitalizzare il fondo con 250 milioni di euro, utili ad avviare la riqualificazione degli storici alberghi Excelsior, De Bains e delle spiagge e dei bar appartenenti al Palazzo Marconi. Il portafoglio è stato apportato al fondo Lido di Venezia II, mentre l’area di Malamocco che non è destinata all’ospitalità resta nel fondo Lido di Venezia I, ex Real Venice. 
Come afferma Manfredi Catella, AD di Coima SGR: “Ci avviamo verso l’ultima fase del processo, quella che porterà gli hotel agli antichi splendori. Dopo aver riavviato il portafoglio di default, abbiamo lavorato per interrompere e sostituire la gestione precedente, infine abbiamo riaperto l’Excelsior. Ora con la ricapitalizzazione parte la fase di ristrutturazione ulteriore di circa 36 mesi, dell’Hotel Excelsior, per tornare a 5 stelle lusso, e solo successivamente partiranno i lavori per il Des Bains che resterà Hotel e non verrà riconvertito in residenze come prevedeva il precedente progetto. Il programma avrà in totale una durata di 5 anni”. 
Rimane quindi solo da definire la riconversione dell’ex Ospedale a mare di Cassa depositi e prestiti per il quale però Coima Sgr ha già presentato un masterplan generale.
Categorie: Mercato