ARCHITETTURA - Renzo Piano dona un nuovo progetto al Politecnico di Milano

Renzo Piano, archistar e alumnus più in vista del Politecnico di Milano, ha donato alla sua alma mater un progetto per rinnovare una parte del campus di architettura, che conta già edifici progettati da Viganò e  Giò Ponti. L’intervento, che prevede nuovi spazi verdi, la demolizione di un edificio di connessione – il “sottomarino” – e la costruzione di un nuovo edificio che ospiti laboratori nuovi e luminosi, ha come obiettivo quello di rendere il campus di architettura più vivibile e interconnesso, grazie a 100 nuovi alberi e alla valorizzazione del percorso che collega il patio della sede di Architettura di Viganò e il “Trifoglio” di Ponti. Anche lo spazio tra quest’ultimo e l’edificio “Nave” , oggi un parcheggio a cielo aperto, verrà trasformato in una piazza ribassata, nell’ottica di una decompressione del campus e di un rapporto con la strada che tragga i benefici di una cintura di separazione verde. Il progetto è ancora prematuro, in quanto non ha ancora preso le mosse dalle carte su cui è stato disegnato, ma si prevede possa essere approvato e cantierabile  entro la fine del 2016.