Pubblicato il 3 dicembre 2018

Annunciati i curatori della Biennale di urbanistica e architettura di Shenzhen 2019

Carlo Ratti (Chief Curator), Politecnico di Torino e South China University of Technology (Academic Curators) sono coautori di una delle proposte vincitrici della Bi-City Biennale, esplorando criticamente l'impatto dell'Intelligenza Artificiale sulle comunità e lo spazio urbano.
La Biennale urbana di Urbanism \ Architecture (UABB) di Shenzhen, una delle principali mostre di architettura nel mondo, ha annunciato i curatori della sua edizione 2019. 

Uno dei due team vincitori sarà guidato dal Chief Curator Carlo Ratti, socio fondatore dello studio di progettazione CRA-Carlo Ratti Associati e direttore del Senseable City Lab presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT), e dal Curatore Accademico South China-Torino Lab, un centro comune fondato dal Politecnico di Torino e dalla South China University of Technology e diretto da Michele Bonino e Sun Yimin. 

Anche il Politecnico di Milano, nella persona del Vice-Decano della Scuola di Architettura Adalberto del Bo, fa parte la squadra come co-curatore. 

La proposta del team mira a esplorare criticamente l'impatto delle tecnologie digitali sulle comunità e lo spazio urbano. In tutto il mondo, gli ultimi due decenni hanno visto una crescente penetrazione delle tecnologie digitali nel mondo fisico - un fenomeno spesso descritto come l'emergere di Internet of Things. 
Questo ha inaugurato una serie di cambiamenti radicali nel modo in cui concepiamo, progettiamo e viviamo la città. Più recentemente, con particolare rilievo in Cina, progressi tecnologici come l'intelligenza artificiale e il riconoscimento facciale hanno accelerato un processo attraverso il quale il costruito l'ambiente sta diventando sempre più capace di percepire i bisogni delle persone in tempo reale. 

Alla UABB del 2019, la squadra di Carlo Ratti / South China-Torino Lab indagherà su come il nostro rapporto con la città potrebbe cambiare, quando gli edifici diventano capaci di rispondere alla nostra presenza. Uno scenario che apre nuove opportunità non sfruttate e sfide.
Per dirlo con le famose domande di Rich Gold, nel 1995: "Quanto deve essere intelligente il tuo letto, prima che tu abbia paura di andare a dormire la notte? " 
"Sensori e reti hanno ricoperto le nostre città per alcuni decenni. Tuttavia, grazie ai progressi nel profondo apprendimento e imaging, stiamo ora raggiungendo uno scenario senza precedenti, per cui lo spazio architettonico sta acquisendo il capacità di "vedere": può potenzialmente riconoscerci e reagire autonomamente alla nostra presenza ", afferma Ratti.  

Nel 2019, la Biennale di Bi-City prenderà in considerazione le caratteristiche uniche di Shenzhen - il suo status geopolitico tra Hong Kong e il resto della regione del delta del Fiume delle Perle, il suo rapido processo di urbanizzazione, la sua posizione centrale come centro di innovazione - come punti di partenza per reimmaginare la relazione tra nuove tecnologie e futuri urbani. L'UABB 2019 esplorerà il nuovo fenomeno determinato dalla rivoluzione digitale che si è sviluppato parallelamente alla crescita di Shenzhen, riflettendo su urbanistica e architettura in modi al di là dei confini fisici, discutendo di come le persone possono essere autorizzate a diventare il vero soggetto delle nostre città digitali-fisiche. 

La vera storia di Shenzhen - una città istantanea che si è trasformata da una città costiera periferica alla fine degli anni '70 in una delle città asiatiche metropoli più prospere - parla di una capacità di anticipare il cambiamento e di immaginare il futuro. 
Una crescita della città in parallelo all'emergere della rivoluzione digitale, costituisce l'equivalente dell'Asia alla Silicon Valley, sede di alcuni dei più grandi aziende tecnologiche nel mondo, da Tencent a DJI, a Huawei a BYD.

Crediti: CRA 
Progettista: CARLO RATTI ASSOCIATI
Categorie: Professione