Pubblicato il 8 marzo 2019

Albo nazionale ingegneri, in crescita il saldo degli iscritti all'albo

Segnali di ripresa per il numero di iscritti all’Albo degli ingegneri dopo anni di curva di crescita sostanzialmente piatta.
L’analisi dei dati al 1 gennaio 2019 certifica un aumento in misura maggiore rispetto agli anni precedenti: dai 625 iscritti in più del 2018, si è passati a un saldo positivo di 1.777 ingegneri che ha portato il numero complessivo di iscritti a 241.791. E’ quanto emerge dalla consueta analisi annuale effettuata dal Centro Studi CNI. Rispetto agli anni precedenti aumentano le cancellazioni. Tuttavia, in misura ancora maggiore aumentano le nuove iscrizioni e le re-iscrizioni. Sono proprio queste ultime a contribuire in modo considerevole a rendere positivo il saldo degli ultimi anni controbilanciando, invece, l’effetto del rallentamento progressivo del numero di neolaureati che affrontano gli Esami di Stato e che si iscrivono all’albo professionale. “In un quadro complessivamente positivo – afferma Armando Zambrano, Presidente del CNI - permangono delle criticità. In primo luogo la crescita contenuta degli iscritti all’albo rispetto al consistente numero di laureati in ingegneria che si registra ogni anno. Emerge una sorta di disaffezione, soprattutto da parte delle giovani generazioni, nei confronti del sistema ordinistico. Proprio per questo da tempo il CNI si sta interrogando sulle trasformazioni in atto nel mercato del lavoro e sulle modalità di esercizio della professione, attivando una serie di strategie per recupero la propria centralità.

Solo nei prossimi anni si potrà verificare se si tratta di un episodio isolato o di una vera e propria inversione di tendenza, conseguente anche all’impegno che stanno profondendo il CNI e gli Ordini nell’innescare dinamiche nuove e nel diventare strutture capaci di dialogare meglio e di più con gli iscritti e in grado di fornire servizi di qualità a tutti gli ingegneri indipendentemente dall’attività lavorativa svolta.