Al Centre Pompidou una restrospettiva di Eileen Gray

Designer, artista ed architetto, grande conoscitrice di Le Corbusier che a pochi metri dalla sua Maison en bord de mer a Roquebrune Cap Martin aveva realizzato il celebre Cabanon: Eileen Gray, versatile figura di un razionalismo novecentesco e parte di una cordata di eccellenza impegnata nella definizione della modernità, è la protagonista di una retrospettiva al Centre Pompidou di Parigi che si è aperta il 20 febbraio 2013. L’ecletticità, le diverse modalità di espressione, le tecniche piegate ad un invito alle emozioni sensoriali sono i punti chiave di una produzione che ha tenuto conto di “un’umanità di una certa epoca, con tutto quanto attiene gusti, emozioni e gesti”: è su questa importanza della vita interiore che l’artista di origini irlandesi trapiantata in Francia ha decretato il suo lavoro, il suo stile. Decoratrice, pittrice, progettista di edifici, ideatrice di oggetti intramontabili di arredamento come il tavolino in acciaio e cristallo e la poltrona Bibendum, Eileen Gray è rappresentata nel museo parigino con una molteplicità di quadri, schizzi, disegni, modelli.
La mostra rimarrà aperta sino al 20 maggio 2013 presso il Centre Pompidou www.centrepompidou.fr

Di Beatrice Vegetti