"agrAir": l'installazione di Piuarch alla Milano Design Week 2018

Parte del programma Inhabits alla Milano Design Week 2018, il progetto agrAir di Piuarch illustra i valori auspicabili per l'abitare del futuro - leggerezza, luminosità, economia delle risorse, dissoluzione dei confini tra interni ed esterni, tra spazi naturali e artificiali - nell'equilibrato confronto tra l'elemento della terra e quello dell'aria.
Due anime e un nome che vuole sintetizzarle in un unico gesto: agrAir, l’installazione proposta da Piuarch in piazza Castello per il programma Inhabits alla Milano Design Week 2018, parla infatti della concretezza della terra, della più antica pratica della coltivazione, ma anche di tutte quelle azioni intangibili che insieme concorrono alla complessità dell’abitare. Non sono due opposti costretti a un delicato equilibrio quanto piuttosto due elementi che si intrecciano armonicamente per rivelare quello che dovrebbe essere la vita nei prossimi decenni in un qualsiasi contesto urbano.  
Quali potrebbero essere le condizioni ottimali di comfort, sia pubblico sia privato? Quali i requisiti che l’architettura dovrebbe mettere in gioco per migliorare la città, per garantire il benessere dei suoi cittadini, per incentivare le relazioni sociali, per stimolare la responsabilità individuale con l’obiettivo di una crescita collettiva? Il progetto di Piuarch, che si sviluppa in parallelo e con i medesimi requisiti anche sull’orto della sede dello studio (via Palermo 1, Brera, Milano), nasce con l’idea di illustrare quei valori capaci di promuovere, nella loro reciproca interazione, la qualità ambientale: leggerezza, luminosità, consumo attento delle risorse ed economicità, dissoluzione dei confini tra interni ed esterni, tra spazi artificiali e naturali, recupero del verde e dell’agricoltura nel tessuto consolidato.  
Di fronte all’imponente massa in mattoni della Torre del Filarete, al centro di Piazza Castello, il racconto dei principi elencati è sviluppato in un’installazione composta di due livelli tra loro paralleli, tra i quali intercorrono continui collegamenti. Il livello più basso, alla quota del suolo, è definito da un’ampia pedana in argilla strutturata su un modulo quadrato di 2,1 x 2,1 m: solcata da attraversamenti pedonali, è quasi interamente occupata da piante aromatiche, alternate a graminacee, che assecondano la logica del modulo di base e si compongono secondo schemi predefiniti, elaborati dal paesaggista Cornelius Gavril. L’immagine è quella di un orto botanico, arricchito da fiori colorati e da profumi, da guardare e da toccare: un frammento che recupera la biodiversità e il concetto di agricoltura nel cuore della città. 
Parallela al basamento verde, una folla di gonfiabili trasparenti ondeggia dolcemente per effetto del movimento dell’aria. È una nuvola di palloncini dalla forma di prisma, composti di una sottilissima pellicola riciclabile e distribuiti a quote differenti tra i 2,5 e i 6 metri; sono trattenuti da fili di nylon e creano riflessi cangianti durante il giorno, quando la luce di aprile aumenta l’esperienza fenomenologica dei primi giorni di primavera; di notte invece, l’illuminazione artificiale ne accentua ulteriormente il carattere evanescente e li tramuta in iconiche lanterne fluttuanti. La composizione eterea è metafora del bosco ma anche della stessa città ed esprime identità, versatilità, luminosità e leggerezza. Tra i due layer orizzontali, sono infine tracciate le connessioni: le aste di vetro acrilico accolgono rampicanti che si protendono verso i palloncini e sanciscono il legame indissolubile tra naturale e artificiale. Un legame che non deve avere margini netti ma piuttosto occasioni d’integrazione continua, per migliorare i termini dell’abitare. agrAir è il manifesto concettuale di una dicotomia risolta; la raffigurazione filosofica degli elementi e delle emozioni che l’architettura deve essere in grado di suscitare. Nel suo insieme di riflessi, lievi movimenti, luci e ombre, fragranze e colori che i visitatori possono vivere, percorrere entro i tracciati segnalati sulla pedana o apprezzare dall’esterno, l’installazione di Piuarch realizza uno spazio dai contorni impalpabili, un programma di rigenerazione urbana che promuove lo spirito festivo e ottimistico del Fuorisalone.

Crediti fotografici: Piuarch
Categorie: Architettura